Giovedì 23 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 11:50
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Settore del legno, dopo la metallurgia è qui che ci sono gli incidenti più numerosi
Frese, seghe elettriche, troncatrici, presse, piallatrici... È sufficiente fare l’elenco dei macchinari che un operatore del settore del legno utilizza quotidianamente per comprendere come in questo tipo di attività il rischio di subire un infortunio sul lavoro sia sempre in agguato. A scriverlo è l’ultimo numero del mensile Dati Inail, curato dalla Consulenza...
Caserta, esposto di Sgb sui servizi di pulizia nella Asl di Caserta
l Sindacato generale di base ha depositato ieri un dettagliato esposto alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere sugli appalti dei servizi di pulizia all’ASL di Caserta. Un sistema che vede coinvolti "livelli istituzionali e sindacali, complici di aziende che negli anni, oltre ad avere impoverito e messo a rischio un servizio pubblico di vitale importanza per tutta la...

Scuola, la Flp-Cgil lancia un appello alla neoministra: "La scuola non è addestramento. Intervenire nelle aree svantaggiate"
"La ministra Azzolina e il ministro Manfredi abbiano il coraggio e la consapevolezza di sapere che viviamo un'autentica emergenza. In tempi di minacciata autonomia differenziata la Scuola e l'Università hanno principalmente bisogno di essere più forti e più presenti lì dove il contesto è più deprivato: più strumenti, più personale,...

Amianto, Fincantieri condannata a La Spezia.
Il giudice del Lavoro del tribunale della Spezia Marco Viani, dopo un'istruttoria durata 3 anni, ha condannato Fincantieri alla liquidazione della somma di circa 88 mila euro, a titolo di risarcimento per i danni subiti, e di oltre 520 mila euro ai familiari di un operaio tubista a bordo, ucciso da un mesotelioma dovuto all'esposizione all'amianto.L'uomo aveva lavorato per 22 anni nel cantiere... di REDAZIONE

"Trump, da una parte l'Iran e dall'altra il Venezuela". Intervento di Geraldina Colotti
“Gli Stati uniti devono avere un occhio per l’Iran e l’altro per il Venezuela”. La “raccomandazione” arriva da Antonio Ledezma, ex sindaco della Gran Caracas latitante che pontifica… da un bar di Madrid. Un’altra prova del valore attribuito alle istituzioni dall’estrema destra venezuelana: che al parlamento preferisce le redazioni dei... di GERALDINA COLOTTI

Crisi, più ricchi i già ricchi. il rapporto tra le classi di reddito arriva ad essere anche del 600%
Cresce il divario tra chi guadagna di più e di meno. In Italia il 20% della popolazione con i redditi più alti può contare su entrate superiori a sei volte quelle di coloro che sono nel quintile più in difficoltà. Il dato è contenuto in una nuova statistica Eurostat che mette in relazione i diversi gruppi di reddito dalla quale emerge che questo divario... di REDAZIONE

"L'Italia, la Francia, e un cantiere sulla previdenza ancora aperto. Ora è il momento di osare". Il Domenicale di Controlacrisi, a cura di Federico Giusti
La Francia, ormai da settimane, è attraversata in lungo e largo dalla mobilitazione contro la riforma del sistema pensionistico e l'aumento dell'età lavorativa, la protesta non accenna a diminuire e invade migliaia di piazze, dai piccoli centri alle grandi città. In Italia è ormai acclarato che, sul tema previdenziale, l'occasione di costruire forti mobilitazioni... di FEDERICO GIUSTI

La lettera di Nicoletta Dosio: "È il momento di essere lucidi e irriducibili, di mettere in pratica il coraggio e la tenerezza che abbiamo imparato nei giorni indimenticabili delle Libera Repubblica della Maddalena"
Care Compagne e Compagni,le vostre voci che in questi giorni sono giunte fino a me, portate dall'allegroscoppiettio dei fuochi d'artificio, e che entrano ogni giorno nella mia cellacon lettere e telegrammi, sono il segno che il Movimento NoTav non lasciasolo nessuno, che il "si parte e si torna insieme" non è soltanto un efficaceslogan, ma un grido reale di lotta generosa e fraterna.Quelle... di NICOLETTA DOSIO

Grande partecipazione al corteo di solidarietà con Nicoletta Dosio. Prc: "Il movimento di lotta non si arresta"
Il corteo, a cui si stima abbiano partecipato almeno 15000 persone, si è snodato dietro lo striscione “Partigiane della terra e del futuro – Notav” per tutta via Cernaia da piazza Statuto fino a piazza Castello dove si sono tenuti i discorsi finali.  Uno dei momenti più emotivamente partecipati è stato il ricordo dei martiri antifascisti in piazza XVII... di REDAZIONE

Se i centri storici vengono conquistati dalla speculazione finanziaria la questione abitativa non è più una questione della "periferia". Intervento di Federico Giusti
Ormai il bisogno di casa non fa piu' notizia, se non fosse per i movimenti dell'abitare e per Unione Inquilini l'argomento sarebbe da tempo caduto nel dimenticatoio. Eppure stiamo parlando di uno dei piu' gravosi problemi sociali che riguarda da tempo anche chi un lavoro lo ha già. Sono molte le famiglie con reddito insufficiente tra basse pensioni, contratti part time e una... di FEDERICO GIUSTI

Occupazione/Istat, per la Cgil il mercato del lavoro sconta ancora gravi ritardi
Mercato del lavoro, ieri i dati Istat che parlano di un tasso al 9,7%. In apparenza si tratta di segnali positivi con un aumento dell’occupazione, ma è necessario leggere dietro le statistiche, come invita a fare la Cgil: “I dati apparentemente positivi, in particolare quelli relativi a giovani e donne non devono sottacere i gravi ritardi del nostro mercato del lavoro”,... di FABRIZIO SALVATORI

"Non rimanere ingabbiati in una guerra che non è la nostra". Intervento di Francesco Fustaneo
Il Medioriente torna a divenire terreno di scontro: le tensioni tra l'Iran, che nel corso degli anni ha acquisito un ruolo sempre più preponderante nella geopolitica dell'aera e gli Stati Uniti, da sempre ostili alle politiche non allineate di Teheran, rischiano di tramutarsi in un una nuova e devastante guerra del Golfo. Le cronache recenti narrano dei razzi lanciati da parte iraniana a... di FRANCESCO FUSTANEO

Caporalato, operazione della Procura di Palmi: decine di arresti. Costringevano i migranti a lavorare 10-12 ore per paghe di 2-3 euro l'ora
Erano costretti a lavorare 10-12 ore al giorno, sette giorni su sette, senza alcuna protezione individuale, a 2-3 euro l'ora i braccianti extracomunitari sfruttati dalla rete di caporali, anch'essi extracomunitari, con la complicità di imprenditori agricoli operanti nel settore della raccolta e vendita di agrumi nella piana di Gioia Tauro, sgominata stamani dai carabinieri con il... di REDAZIONE