Martedì 16 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento 18:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Pubblico impiego, arriva il contratto per il comparto degli Enti centrali. Usb non firma e decide di consultare i lavoratori
Dopo 8 anni di blocco contrattuale e tre giorni di maratona all'Aran alle quattro di questa notte è stato firmato il contratto per il Comparto Funzioni Centrali. L'intesa, che riguarda circa 247mila persone, dipendenti di ministeri, agenzie fiscali ed enti pubblici non economici, è stata firmata da Cgil, Cisl e Uil e l'Agenzia che rappresenta il Governo nelle trattative,...
Niger, le critiche dei missionari alla politica estera dell'Italia: "Seguiamo Macron su una strada pericolosa"
"Vergogna: seguiamo Macron su una strada pericolosa, violando nei fatti la sovranita' del Niger e abbracciando una classe politica corrotta al soldo di Parigi". Padre Mauro Armanino, missionario da anni a Niamey, parla con la DIRE dopo l'annuncio dell'impegno militare italiano per "la sorveglianza e il controllo del territorio" del Paese del Sahel.Secondo il premier Paolo Gentiloni, l'obiettivo...

"Chiuso per sciopero": La protesta nella Grande distribuzione per un contratto fermo a quattro anni fa
Presidi, manifestazioni e volantinaggi per lo sciopero indetto da Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs nei punti vendita della distribuzione organizzata e cooperativa, dove complessivamente operano oltre 350.000 addetti in Italia in attesa da quattro anni dei nuovi contratti nazionali. Due vertenze diverse e distinte, ma unite da una rivendicazione comune: il contratto appunto. Da nord a sud, la...

"Cosa ci dicono i primi dati delle elezioni in Catalogna". Intervento di Franco Astengo
I numeri che nella notte arrivano dalla Catalogna dimostrano una debole “volatilità elettorale” rispetto ai dati del 2015 ma assumono un forte significato politico se li andiamo ad analizzare andando al cuore della questione che era in gioco in questa tornata: quella dell’indipendenza. Dalle elezioni del 2015 al referendum di ottobre non riconosciuto dal Governo Centrale... di FRANCO ASTENGO

Commissione parlamentare sulle periferie: sono trenta milioni le persone a rischio nel Bel Paese: trasporto, casa, servizi e reddito
L’unico ministro invitato a parlare il 19 dicembre alla consegna della corposa Relazione della Commissione al Parlamento è stato Minniti, a sottolineare che la lente con la quale si guarda alle periferie è quella occhiuta della polizia e la chiave di interpretazione è tutta di tipo securitario. Eppure dalla voluminosa quantità di audizioni e di missioni compiute... di REDAZIONE

Sistema sanitario nazionale, i medici sul piede di guerra si aggiudicano il palma res del primo sciopero nel nuovo anno: l'8 e 9 febbraio
L'anno nuovo deve ancora cominciare. E già c'è il primo sciopero generale di categoria. Si tratta dei medici del servizio sanitario nazionale, in lotta contro un Governo che sta portando la sanità allo sfascio. Uno ne hanno fatto poche settimane fa, nel tentativo di cambiare qualcosa di una Legge di bilancio che ha lasciato scivolare l'assistenza medica verso un crinale poco... di FABRIZIO SALVATORI

L'ambiente questo sconosciuto nell'informazione pubblica e privata in Tv
Il rapporto Eco-media 2017, promosso da Pentapolis Onlus e presentato ieri a Roma durante il IV forum nazionale Ambiente e sviluppo sostenibile tra informazione, economia e politica indaga la presenza di notizie dedicate all’ambiente nelle edizioni prime time dei sette principali Tg italiani, ovvero quelli che vanno in onda su Rai1, Ra2, Rai3, Rete4, Canale5, Italia1 e La7.... di LUCA ATERINI

Dismeco di Bologna: «Licenziati perché avevano la tessera della Fiom»
Nella Bologna dove la sindacalizzazione è ancora altissima e le relazioni aziendali sono all’avanguardia succede anche che ci sia un’impresa che licenzia un delegato e un lavoratore a causa della tessera della Fiom che portano in tasca. L’effetto Jobs act nella rossa Emilia la scorsa primavera provocò un’escalation di licenziamenti di delegati sindacali a cui... di MASSIMO FRANCHI

Oggi si sciopera alla Coop e nella grande distribuzione: «Contratto»
E in molti punti vendita sarebbero già stati assunti addetti sostitutivi per l’intera giornata Alla Coop, tra gli associati di Ancc, Agci e Confocooperative, fino a quelli di Federdistribuzione, lo sciopero indetto da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs proprio non va giù: per ovviare agli inevitabili disagi che potrebbero manifestarsi a causa della protesta di oggi, molti... di MIRCO VIOLA

L’ordinanza contro i poveri di Como : «È il decreto Minniti-Orlando»
«Non ci sarà nessun passo indietro, nessun tentennamento, nessuna cessione ai professionisti del falso buonismo filo immigrazionista ipocrita e peloso». Ieri il deputato leghista Nicola Molteni si è scatenato in difesa dell’ordinanza del sindaco di Como, Mario Landriscina, che vieta – fra le altre cose – di distribuire i pasti a barboni e clochard fino... di MARIA TERESA ACCARDO

Domani scioperano i lavoratori della Grande distribuzione, da quattro anni senza contratto. Prc: "Non facciamo la spesa"
I sindacati del commercio di Cgil, Cisl e Uil confermano la protesta proclamata per domani ultimo venerdì prima di Natale a sostegno del rinnovo del contratto della distribuzione cooperativa e e della definizione di quello della grande distribuzione. I lavoratori impegnati nella grande distribuzione organizzata sono circa 300 mila mentre quelli delle Coop sono circa 5omila.La protesta... di FABRIZIO SALVATORI

Legge di stabilità, la sanità esce con le ossa rotte. L'impietosa analisi della Cgil
Nella legge di bilancio vengono ribaditi i tagli decisi l’anno scorso, con un progressivo definanziamento del sistema, che nell’ultimo decennio ha visto la perdita di 65 mila posti letto negli ospedali, la riduzione di 40 mila addetti in organico, dei quali 15 mila medici, oltre all’eliminazione di 35 mila precari, con l’età media del personale salita a 54 anni. A... di REDAZIONE

Novantadue euro al mese, questa è la realtà dei call center al Sud. Cgil: "Se Fastweb non interviene sarà corresponsabile di questa barbarie"
Un bonifico di 92 euro per un mese di lavoro e tagli alla retribuzione in caso di assenza anche di soli tre minuti dalla postazione per andare alla toilette. Con la conseguenze che i compensi scendevano anche fino a 33 centesimi l'ora. A segnalare questo incredibile caso di sfruttamento sul lavoro è la Slc Cgil di Taranto, che ha scoperto e denunciato, anche alla Procura della Repubblica,... di FABRIZIO SALVATORI