Mercoledì 05 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 08:32
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
NO TAV: FASSINO INVOCA IL PUGNO DI FERRO MENTRE NIKI SFOGLIA LE MARGHERITE
News image«Si tratta di garantire che si dia corso ai lavori per la Torino-Lione nei tempi previsti». Al termine della sua prima giunta comunale a Torino, Fassino annuncia che domani durante il Comitato per l'ordine e la sicurezza in prefettura a Torino, chiederà al ministro dell'interno, Roberto Maroni: « di compiere tutti i passi e gli atti necessari per raggiungere questo obiettivo». Il che fatti due conti vuol dire SI TAV con ogni mezzo necessario. Chiedere a Maroni il pugno pesante contro una popolazione che manifesta democraticamente contro uno scempio ambientale senza senso è un atto vergognoso sensa precedenti che pesa sull'intera politica nazionale. Invece che fare le baruffe chiozzotte con Bersani e sfogliare le margherite delle primarie il buon Niki Vendola dovrebbe dire a Fassino di interrompere questa escalation che rischia di esasperare gli animi. Sono oramai giorni che il PD torinese invoca l'utilizzo dell'esercito nei cantieri contro il movimento NO TAV, e sono ormai giorni che SEL che appoggia la giunta   resta in incantevole silenzio sull'intera vicenda.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi