Sabato 25 Ottobre 2014 - Ultimo aggiornamento 13:41
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
SOCIALISTI AL GOVERNO? I MIGLIORI SERVI DI BANCHE E PADRONI
La sinistra di governo offre ampi servizi a banche e padroni di tutta Europa. Grecia, Spagna, e Portogallo sono utili esempi che confermano il trend, del resto potrebbe essere un utile modello per far pagare la crisi al popolo fargli credere che si va verso l'alternativa di società per portarlo invece nella fossa dell'Austerity.

CRISI:PORTOGALLO,APPROVATA FINANZIARIA CON MISURE AUSTERITÀ SALGADO SMENTISCE RUMORS, NESSUN BISOGNO DI SALVATAGGIO (ANSAmed) - LISBONA, 26 NOV - Il Parlamento portoghese ha approvato la finanziaria antideficit 2011 presentata dal governo del premier socialista Josè Socrates. Il documento finanziario è stato adottato con il voto favorevole dei socialisti e l'astensione del principale partito di opposizione, il Psd. Il giro di vite senza precedenti deciso dal governo per il 2011 punta a riportare il deficit pubblico dal 7,3% al 4,6% l'anno prossimo. La manovra prevede tagli agli stipendi degli statali, agli investimenti pubblici e alla spesa sociale, il congelamento delle pensioni, l'aumento di Iva e Irpef. È stata definita «una dichiarazione di guerra ai lavoratori» dai sindacati, che mercoledì hanno paralizzato il paese con uno sciopero generale. L'adozione definitiva della finanziaria 2011 interviene mentre il debito del paese è sottoposto alla pressione dei mercati, che scommettono su un ricorso da parte di Lisbona all'aiuto di Ue e Fmi. Il rischio default portoghese ha toccato oggi un nuovo record a 507,5 punti. Dopo il voto del Parlamento sulla finanziaria il ministro delle Finanze Fernando Teixeira dos Santos ha detto che «ora dobbiamo fare tutto il necessario per creare le condizioni per la sua attuazione». Con la finanziaria, ha commentato il ministro dell'Economia Elena Salgado, sono state approvate «le misure» antideficit previste che «nelle prossime settimane saranno messe in applicazione». Salgado ha aggiunto di «non vedere alcuna necessità che il Portogallo faccia ricorso a un aiuto» internazionale. «Non è necessario che si parli di un piano di salvataggio per il Portogallo», ha insistito.