Lunedì 27 Aprile 2015 - Ultimo aggiornamento 16:55
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Call center, nove euro al giorno e senza alcun diritto. E' l'ultima frontiera della schiavitù scoperta della Cgil a Taranto
"Può essere considerato un lavoro quello svolto da lavoratrici che ricevono una retribuzione di soli 9 euro al giorno senza alcun contratto? Per la Slc Cgil di Taranto è schiavitù e continueremo a combatterla come facciamo da anni". La denuncia arriva da Andrea Lumino, segretario generale della Slc Cgil di Taranto. Il sindacato ha scoperto un call center che operava nel pieno centro di Taranto sfruttando donne senza offrire nessuna garanzia contrattuale e senza il minimo rispetto del diritto dei lavoratori. La struttura si occupava della vendita di prodotti tessili per...
Auchan, lavoratori mobilitati contro licenziamenti e attacco ai diritti contrattuali
Sempre piu' tesa la situazione in Auchan dopo che la multinazionale francese ha annunciato 1.100 licenziamenti, su circa 14 mila dipendenti in Italia, causando la rottura delle trattative con le organizzazioni sindacali, che, unitariamente, hanno deciso di proclamare un primo sciopero in risposta all'atteggiamento dell'azienda. La data indicata e' quella del 9 maggio. Ma, sottolineano i...

Cgil, Terzo settore, Migrantes contro il documento Ue su immigrazioni e profughi: "Vergognoso"
Oggi a Bruxelles si riunirà il Consiglio straordinario dei capi di stato e di governo europei, convocato con urgenza su richiesta dell’Italia - appoggiata da altri paesi come la Francia - per decidere le misure d’emergenza sulla tragedia delle morti degli immigrati nel Mediterraneo. All’ordine del giorno, oltre alla discussione sui programmi Mare Nostrum e Triton, ci sono...

Dopo Del Rio anche Alesse, il cosiddetto garante, a testa bassa contro gli scioperi: "Serve referendum"
Una "rivisitazione complessiva" della disciplina sugli scioperi nei servizi pubblici essenziali. RobertoAlesse, presidente dell'Autorità di garanzia sugli Scioperi, proprio non ce la fa a vestire i panni del semplice esecutore. Ed ecco che dopo una intervista di Del Rio coparsa nei giorni scorsi con al centro la solita retorica contro gli “scioperi selvaggi” parte lancia in... di FABRIZIO SALVATORI

Dove prendere i soldi lo dice Bankitalia
Nel dibat­tito sul red­dito minimo ( e sue varianti) il punto da cui oggi occor­re­rebbe par­tire, in Ita­lia, è la ragione che nega l’ impos­si­bi­lità della sua appli­ca­zione: la man­canza di soldi. «Non ci sono le risorse» ha sen­ten­ziato di recente il mini­stro Poletti. Ma... di PIERO BEVILACQUA

Il dovere di fermare la corsa delle riforme
Una enorme respon­sa­bi­lità grava sulla mino­ranza dei depu­tati del Pd alla Camera. È quella di impe­dire o con­sen­tire, con le altre mino­ranze, la tran­si­zione dell’Italia dalla Repub­blica demo­cra­tica ad un regime auto­ri­ta­rio, quello del “governo del primo... di GIANNI FERRARA

"Partito sociale? Ovvero la classe lavoratrice (e non) che più concreta di così non l'avete mai vista". Intervista a Lino Anelli
Lino Anelli, di GAP di Piacenza, dove ormai da un anno, è partita la costituzione di un GAP provinciale. Qual è stato il ragionamento alla base di questa scelta? Abbiamo individuato nelle pratiche del Partito sociale lo strumento efficace per riprendere contatto col territorio, con le condizioni materiali della classe, nei luoghi di lavoro e sul territorio. Siamo partiti... di FABRIZIO SALVATORI

La R&S nel DEF: nulla di nuovo sotto il crepuscolo del declino
Il DEF 2015 mette la R&S in luce come la medicina per rilanciare l’economia, ma non la risparmia, come i suoi predecessori, dalla scure della politica di austerità e ricicla, confezionandoli a nuovo gli strumenti già avviati dal governo Monti e Letta.Anzi proprio questo governo sembra non fare caso, data l’esiguità delle risorse messe a disposizione, come... di LEOPOLDO NASCIA

Whirlpool, come volevasi dimostrare il Governo non sa di cosa di parla. Continuano le mobilitazioni
Sulla vicenda Whirlpool il Governo sembra andare in confusione. A pochi giorni dalla convocazione del tavolo al ministero delle Attività produttive non solo non è riuscito a dire la cosa più normale di questo mondo ovvero che l’azienda, visto che licenzia, deve restituire i soldi pubblici intascati, ma Federica Guidi, a cui Renzi ha bellamente delegato di occuparsi... di FABIO SEBASTIANI

DEF 2015, la trappola dell’ottimismo
L’economia crescerà nel 2015 e 2016 più di quanto previsto a fine 2014, mentre si riduce la spesa per interessi. Migliorano i saldi di bilancio tendenziali ma il governo, pur confermando l’adesione agli indirizzi comunitari di politica di bilancio, non intende modificare il percorso programmatico di rientro già fissato e invocherà per il 2016 la...