Mercoledì 01 Aprile 2020 - Ultimo aggiornamento 11:19
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
La terra desolata (sulle elezioni inglesi)
Per farsi una ragione dell’esito nefasto delle General elections 2019 in Uk, bisogna confrontare i flussi elettorali con i collegi al voto nel Referendum del 2016: si scopre così che non ha vinto Boris Johnson ma di nuovo la Brexit. Da Volerelaluna. “Più che Boris Johnson, ha vinto la Brexit”, si può dire. O, all’inverso, possiamo girare la frase affermando che “Non è tanto Jeremy Corbyn ad aver perso, è la voglia di Brexit ad aver vinto”. Ma il risultato non cambia: nelle elezioni politiche del Regno Unito (forse le...
Lettera a Jeremy Corbyn di Ken Loach, Brian Eno e molti altri
A Jeremy Corbyn, deputato, leader del Partito laburista Come artisti e scrittori, vorremmo ringraziarti per aver accresciuto la consapevolezza politica nel nostro paese a un livello mai visto dalla fine della seconda guerra mondiale. La tua umanità, il tuo coraggio e la tua ispirazione hanno mobilitato una nuova generazione di attivisti socialisti.Gran parte del nostro lavoro riflette il...

La Sinistra europea elegge a Malaga Bierbaum presidente e Ferrero vice
Si è concluso a Malaga in Spagna il congresso del Partito della Sinistra Europea che riunisce decine di partiti comunisti, rossoverdi, della sinistra radicale di tutto il continente.Eletto presidente il tedesco Heinz Bierbaum della Linke, già sindacalista della IG Metal, che succede a Gregor Gisy.Confermato tra i vicepresidenti Paolo Ferrero di Rifondazione Comunista, unico partito...

Analisi del voto in Uk, a cura di Franco Astengo
L’esito delle elezioni britanniche del 12 dicembre è stato particolarmente chiaro e non sussistono dubbi di interpretazione: non hanno vinto i conservatori ma hanno perso i laburisti. L’incremento dei tories, infatti, sul piano complessivo (che in Gran Bretagna non conta) è stato minimo: da 13.662.914 voti il partito di Boris Johnson è passato a 13.945.200... di FRANCO ASTENGO

"Non basterà sostituire gas al carbone per arrivare a 1,5°C". Intervento di Mario Agostinelli
L'Accordo per limitare ad 1,5 °C l’aumento di temperatura al 2030 ha suggerito alle lobby fossili il rilancio del metano come “rimedio” a sostituzione dell’eccesso di emissioni dovute alla combustione di carbone e petrolio. Il punto di forza, a dire dell’ENI (clicca quiper leggere) sta nel fatto che, mentre il carbone produce CO2 in ragione di 350-400 grammi per... di MARIO AGOSTINELLI

"Se i maestrini nostrani che discettano della Brexit". L'editoriale di Controlacrisi a cura di Federico Giusti
La sconfitta laburista in Inghilterra è innegabile ma nei giorni successivi al voto  c'è stato un continuo susseguirsi di dati manipolati. Di iscuro la vittoria dei conservatori è innegabile, il migliore risultato raggiunto dai tempi dalla lady di Ferro negli anni ottanta. Se guardiamo ai numeri la Thatcher ha fatto meglio di Boris Johnson che tuttavia porta a casa una... di FEDERICO GIUSTI

Dal 13 al 21 dicembre settimana di mobilitazione a fianco del popolo Kurdo
Settimana di manifestazioni in tutta Italia dal 13 al 21 dicembre per il popolo Kurdo, massacrato da Erdogan. Inizierà Firenze il 13/12 poi via via in vari territori, culmnte sbandierate libertà democratiche, che in occidente dovrebbere fare la differenza con il regime dittatoriale vigente in Turchia e nei territori occupati. Del resto anche l’Onu tace e questa volta non solo... di FABRIZIO SALVATORI

Partito della Sinistra europea, si conclude domani a Malaga il 6° congresso: ricerca dell'unità e ripresa dell'iniziativa politica in chiave europea
Terminerà domani a Malaga, in Spagna, il 6° Congresso del Partito della Sinistra Europea. Sarà un’occasione importante per fare il punto sullo stato dei partiti della “sinistra radicale” in Europa alla luce delle elezioni europee del maggio scorso e del nuovo assetto che si è data l’Unione Europea con l’elezione della Commissione guidata da... di FRANCO FERRARI

Energia, l'Europa litiga sul nucleare. E' green o no?
Le nuove regole sulla tassonomia verde per la finanza europea? Potrebbero dover essere parzialmente riscritte per compiacere anche i grandi sostenitori di gas e nucleare secondo quanto rivela Euractiv. Nove Stati membri, guidati da Francia e Gran Bretagna, hanno bloccato ieri l’accordo, raggiunto appena sei giorni fa, tra eurodeputati e presidenza finlandese del Consiglio dell’UE.... di FABRIZIO SALVATORI

Alla fine ci salverà la Cina?
L’Europa, la Francia in testa, si sbraccia a Madrid sul riscaldamento globale ma fa poco, mentre la Cina ha già raggiunto gli obiettivi della Cop di Parigi. Ma di recente sta facendo dietrofront sulla decarbonizzazione, forse in relazione all’insicurezza energetica conseguente ai dazi di Trump. Le parole e i fatti E’ ovviamente noto quanto sia non solo importante, ma... di VINCENZO COMITO