Mercoledì 01 Aprile 2020 - Ultimo aggiornamento 11:19
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Nei bombardamenti israeliani sono stati uccisi 32 palestinesi
Nei bombardamenti seguiti all'uccisione a Gaza del comandante militare della Jihad islamica Baha Abu al-Ata martedì scorso, sono rimasti uccisi 32 palestinesi (lui incluso) e ne sono stati feriti altri 100. Lo aggiorna stamane il ministero della Sanità di Gaza. Questo bilancio include sei membri della stessa famiglia - fra cui due donne - che sono rimasti uccisi questa notte a Deir el-Balah, a sud di Gaza, quando la loro casa è stata centrata e distrutta dal fuoco israeliano. Lo riferiscono fonti locali. In Israele questo episodio non è stato ancora commentato.
Bolivia, golpe dell’oligarchia bianca e forze armate con la connivenza USA
È un colpo di stato fascista quello che ha costretto alle dimissioni e alla fuga il presidente boliviano Evo Morales. Un colpo di stato d’estrema destra orchestrato da una destra populista, bianca e oligarchica, con la connivenza aperta degli Stati uniti. Come ben racconta l’ inchiesta «The Us embassy in La Paz continues carrying out covert actions in Bolivia to support...

Traduzione del manifesto dell’assemblea femminista del Forum Europeo di Bruxelles 2019
Un grido femminista viaggia attraverso l’Europa. La lotta viola si diffonde e si muove tra i paesi del Vecchio Continente, testimoniando la forza di un’articolazione femminista che non vuole veder retrocedere i diritti conquistati dalle donne. L’esperienza collettiva delle donne sta costruendo un nuovo orizzonte comune, a partire da una nuova universalità...

Prc-SE: contro il golpe in Bolivia!
Sono mesi, se non anni, che l’oligarchia bianca, appoggiata dagli Stati Uniti, prepara un golpe civico-militare contro Evo Morales. Oggi ci sono riusciti costringendo il legittimo Presidente Evo Morales a rinunciare, nonostante avesse vinto legittimamente le ultime elezioni. Evo ha rinunciato per evitare ulteriori spargimenti di sangue, pacificare il Paese, bloccare le violenze fasciste,...

Lula, il sindacato internazionale saluta la sua liberazione
L'ITUC, la Confederazione internazionale dei sindacati, ha accolto con favore la liberazione dell'ex presidente brasiliano Lula dal carcere e ha chiesto la fine della persecuzione giudiziaria nei confronti di lui e di altri politici progressisti. Lula è stato rilasciato dopo 580 giorni di carcere quando la Corte Suprema del paese ha deciso di rispettare la Costituzione annullando la... di FABRIZIO SALVATORI

Brasile, Lula potrebbe tornare libero. La Corte suprema di Brasilia: "Non può essere privato della libertà prima della fine dei gradi di giudizio"
I legali di Luiz Inacio Lula da Silva oggi stesso presenteranno una richiesta di immediata scarcerazione per l'ex presidente del Brasile, agli arresti dal marzo 2018 presso la sovrintendenza della polizia federale a Curitiba in seguito a una condanna per corruzione e riciclaggio di denaro. La notte scorsa la Corte suprema di Brasilia ha deciso con 6 voti favorevoli e 5 contrari che un imputato...

Brasile, ora nel mirino di Bolsonaro c'è Dilma Rousseff: chiesto l'arresto temporaneo. Intanto, nega il coinvolgimento nel caso Marielle Franco
La polizia federale brasiliana ha sollecitato l'arresto temporaneo dell'ex presidente della Repubblica, Dilma Rousseff, e di altre nove persone sospettate di coinvolgimento in un presunto schema di acquisto di sostegno politico tra i partiti Pt e Mdb durante le elezioni del 2014. Le richieste sono state respinte dal giudice Edson Fachin, relatore dell'inchiesta Lava Jato presso la Corte suprema,... di REDAZIONE

Quando la classe dominante aveva paura del comunismo
Ci sono molte ragioni irrazionali per essere nostalgici per la metà del ventesimo secolo: chi non ama i mobili , le acconciature , le macchine con le griglie a forma di vulva ? Ma ci sono anche molte ragioni pratiche; fu un periodo di significativi cambiamenti sociali, grazie in parte alla guerra fredda tra Unione Sovietica e Stati Uniti. Ovviamente, la guerra fredda ha causato molta... di LIZA FEATHERSTONE*

Brasile: assassinato Paulo Paulino, Guardiano dell'Amazzonia, e un altro Guajajara ferito in imboscata dei taglialegna
Imboscata letale dei taglialegna contro i Guardiani dell'Amazzonia, che hanno ucciso un Guardiano e ne hanno ferito gravemente un altro. Paulo Paulino Guajajara, conosciuto anche come Kwahu Tenetehar, è stato raggiunto da un proiettile al collo, ed è morto nella foresta. Il suo amico e collega, Tainaky Tenetehar, è stato ferito alla schiena e a un braccio, ma è... di REDAZIONE

Il film sul capo dell’Isis al Baghdadi, un prodotto Cia tra fiction e realtà
Perché al Baghdadi, come Bin Laden (già alleato Usa contro la Russia nella guerra afghana), non poteva essere catturato per essere pubblicamente processato, ma doveva fisicamente sparire «È stato come guardare un film», ha detto il presidente Trump dopo aver assistito alla eliminazione di Abu Bakr al Baghdadi, il Califfo capo dell’Isis, trasmessa nella... di MANLIO DINUCCI