Martedì 27 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento 10:38
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, alla Casetta rossa nasce il forno comune per cuocere pane e dolci
A Roma, nel quartiere di Garbatella, apre un forno a legna popolare per tutti coloro che, per risparmiare, vogliono cuocere il proprio pane o i dolci fatti in casa. Un modo "dei tempi andati" per combattere la crisi.
L'iniziativa e' della Casetta Rossa che proprio stamane ha inaugurato il forno nel suo spazio esterno. "L'idea nasce piu' di un anno fa con il collettivo P.a.n.e. - spiega Luciano Ummarino della Casetta - riprendere una vecchia tradizione che era presente in tutti i comuni italiani e ancora presente in piccoli comuni soprattutto del sud: quella dei forni popolari, dei forni pubblici a disposizione di tutti i cittadini che volevano usarli". "La maggior parte faceva il pane - ricorda Ummarino - ma anche altre cose. Ci sono gia' stati dei corsi partecipatissimi di panificazione e durante la giornata le persone verranno a cuocere il pane che hanno fatto a casa. Questo forno sara' aperto, per ora, ogni sabato mattina, poi cercheremo di aprire anche in altre mattinate, la domenica. Il forno popolare che oggi inauguriamo in parte e' stato auto-costruito dalla comunita' territoriale, dal cittadini del quartiere, in parte con l'aiuto di esperti costruttori di forni". Di fronte al 'nuovo' forno, su un tavolo preparato ad hoc, c'e' chi impasta, chi 'spolvera' le pagnottelle con la farina e chi le ricopre di semini. Nicola De Palo, del collettivo, afferma: "P.a.n.e. e' un gruppo di tre persone con un seguito di almeno 200 che in tre anni e' riuscito a divulgare il credo dell'autoproduzione del pane. P.a.n.e. e' un acronimo che sta per produzione, autosufficienza, nutrizione ed esistenza. Sappiamo che il pane e' vita". Monia, una ragazza arrivata al forno, spiega che ad averla spinta verso questa nuova cultura dell'auto-produzione del pane (e al forno della Casetta Rossa) e' stato "un po' un piacere personale verso la cucina, un po' mi piaceva l'idea di cuocere in un forno a legna, una cosa sempre piu' rara diventata quasi un lusso per pochi. E poi, anche il momento di aggregazione: poter cuocere insieme ad altre persone la vedo una cosa molto positiva".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi