Giovedì 21 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento 21:09
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, funerali laici per Romolo Moreschi. Il ricordo del circolo Longo
La notte del 12 ottobre, dopo una malattia che lo aveva minato nel fisico, ma non nello spirito, è morto il compagno Romolo Moreschi, del circolo Luigi Longo, di Cinecittà. “E morto nel sonno con la coscienza a posto di chi nella sua lunga militanza –si legge in un ricordo del Direttivo del circolo Longo - ha sempre fatto il suo dovere di comunista”. Il 13 ottobre ai suoi funerali celebrati nella sala del circolo hanno partecipato decine di compagni e compagne. Una testimonianza tangibile dell'affetto e della simpatia che ha lasciato intorno a se nei suoi ottanta anni di vita. 
“La sua mente è rimasta lucida, come la sua coscienza politica, il suo senso di appartenenza. I suoi modi, a volte bruschi, mal celavano un animo sensibile e amichevole. I suoi sorrisi, appena accennati, erano molto più gratificanti degli applausi di una platea. Il suo giudizio sul che fare era indispensabile e prezioso. Fatto di poche parole semplici, da uno che è stato costretto nella vita a crescere in fretta, rinunciando all’adolescenza, ma mantenendo quell’animo sensibile e rivoluzionario che solo un comunista mai pentito può avere”, si legge ancora nel ricordo. “Non perdiamo solo un quadro militante eccezionale e instancabile, ma un maestro di vita, un esempio per tutti noi”.
La cerimonia laica, nel suo circolo, nella sua sezione, è stata voluta da Romolo Moreschi. E lì compagni e le compagne che si sono alternati a ricordarlo davanti alle bandiere del PCI e di Rifondazione Comunista. Hanno voluto ricordarlo “raccontando un episodio, una esperienza farcelo rivedere com’era, come mai lo dimenticheremo”. Tra gli altri ha partecipato anche il compagno Claudio Ursella, segretario del Prc di Roma. 
Massimo, Alessio, Giuseppe,Marco, Aldo, Claudio, Fiorella, Giusto Stefano che a nome di tutti sono intervenuti hanno voluto ribadire l’impegno a farlo rivivere nell’impegno di tutti i giorni.
La figlia del compagno Pollonio anche lui scomparso ha voluto testimoniare l’affetto e la stima del padre per Romoletto, come lo chiamavano i familiari e i vecchi compagni. Claudia ha scritto e recitato una bellissima poesia.
Tantissimi i compagni presenti, ancora di più quelli che non potendo partecipare hanno comunque voluto comunicare il proprio dolore.
Il direttivo del circolo, riunito la sera stessa per affrontare i problemi economici del circolo di cui Romolo è stato per oltre ventanni tesoriere, ha confermato tutti gli impegni a partire dalla cena sociale di venerdì. Ha inoltre deciso di organizzare in occasione dell’anniversario della nascita del Pci, una giornata di riflessione sull’azione politica di Romolo Moreschi.
Il direttivo del circolo ringrazia tutte le compagne e i compagni che hanno fatto sentire la propria vicinanza “anche a nome di Tiziana, Alessio, Marzia e Claudia”.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi