Venerdì 13 Dicembre 2019 - Ultimo aggiornamento 22:54
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Ricostruzione post-terremoto, la Fillea Cgil delle Marche denuncia ritardi e molte ombre
A distanza di due anni dalle scosse del 2016, la Fillea Marche fa il punto su emergenza, ricostruzione e sisma. Nell‟ambito della tavola rotonda che si è tenuta la scorsa settimana si sono ribadite le forti criticità attraversate dalla nostra regione, a partire della fase dell‟emergenza. La lentezza e le difficoltà riscontrate nell‟emergenza sono un pessimo biglietto da visita per la partenza della ricostruzione vera e propria. Si pensi che, nelle sole Marche, sono 42265 gli edifici pubblici e privati inagibili, gli uffici speciali per la ricostruzione hanno iniziato ad occuparsi degli edifici con danni lievi che sono 38147 nella nostra regione. Al primo dicembre scorso, sono prevenute solo 3945 richieste di contributo, pari a circa 10% del totale. Quindi, ad oltre due anni dalle principali scosse, quelle approvate dalla nostra Regione sono circa il 30% di quelle presentate (neanche 3% circa del totale del cratere). Sempre al primo di dicembre, sono stati aperti 1172 cantieri. Nella fase dell‟emergenza, purtroppo, i cantieri delle SAE si sono contraddistinti per gravi irregolarità e per ricorso al lavoro nero: si sono registrati numerosi aspetti problematici, tra questi, la sicurezza, la legalità, la qualità della ricostruzione (e del ricostruito). Non è andata meglio su altro grande appalto inerente il campus dell‟Università di Camerino: nel corso di un controllo dell‟Ispettorato del Lavoro e dei Carabinieri sono stati rilevati lavoratori “in nero” di diverse nazionalità, così le autorità hanno messo sotto sequestro il cantiere, hanno sospeso l‟attività di due aziende e comminato una multa € 40.000 (quarantamila). È importante, anche da questa sede, ribadire la necessaria azione di prevenzione e controllo negli appalti e subappalti nell‟area del sisma 2016. Tanti appalti, e molti soldi che fanno gola a organizzazioni criminali e mafiose, si prestano a fenomeni di possibile corruzione, forme diffuse di illegalità e sfruttamento dei lavoratori. Per prevenire e contrastare tutto questo, il sindacato fa ovviamente la propria parte, agendo con: negoziazione preventiva confronto istituzionale, stretto rapporto con gli organi di vigilanza preposti ai controlli. In particolare, negli ultimi mesi, il sindacato ha attivato il DURC per congruità (che consente di stabilire un rapporto tra il valore dell‟appalto e numero di persone che ci lavorano) e il settimanale di cantiere (previsto dalle III linee guida antimafia) che monitorizza in anticipo le dinamiche produttive di ogni singolo cantiere trasmettendo alle Prefetture locali e alle Casse Edili il programma dei lavori della settimana successiva con l‟elenco nominativo, la qualifica, il nome dell‟impresa e l‟elenco delle singole partite iva e dei lavoratori che verranno impegnati su quel singolo sito produttivo. Il buon esito della ricostruzione dipende anche dall‟impegno che ciascun soggetto è in grado di portare: il sindacato sta svolgendo il proprio ruolo , la speranza è che ciascuno sia all‟altezza della sfida che lo attende.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi