Lunedì 14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento 00:41
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Il 16 aprile la polizia penitenziaria in piazza contro il deperimento degli organici di fronte a una popolazione carceraria che aumenta: "Si rischia una condanna da parte della Corte europea dei diritti dell'uomo"
"La popolazione detenuta aumenta costantemente mentre le dotazioni organiche del Corpo di Polizia Penitenziaria restano gravemente carenti. Per queste ragioni scenderemo in piazza a Roma, unitariamente, il prossimo 16 aprile: per denunciare le gravi condizioni in cui versa il corpo, per chiedere alla politica e all'amministrazione interventi urgenti, a partire da un piano di assunzioni subito". Così la Fp Cgil commenta i dati emersi dalla relazione annuale al Parlamento del Garante nazionale dei detenuti. Dati che, aggiunge la categoria, "confermano le nostre reiterate denunce: la presenza di detenuti nelle nostre carceri continua ad aumentare di oltre 2.000 unità ogni anno con il concreto rischio di incappare in una nuova condanna da parte della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo sul sovraffollamento. In questo quadro, fatto di crescita del numero di detenuti e di minori uscite, le politiche adottate dal governo sono destinate al fallimento". Inoltre, prosegue la Fp Cgil, "le assunzioni di poliziotti penitenziari previste non bastano neanche a coprire il turn over e la forte carenza di personale di cui soffre il Corpo, poco più di 36.000 unità presenti su una dotazione che prima dei tagli della legge Madia ne prevedeva 45.000, rischia di compromettere la sicurezza degli istituti e la possibilità di reinserimento sociale dei detenuti. Serve un piano di assunzioni straordinario per la Polizia Penitenziaria e anche per questo la Fp Cgil, insieme alle altre organizzazioni sindacali del settore, sarà in piazza a Roma il 16 aprile per una manifestazione davanti al Ministero della Giustizia", conclude la Fp Cgil.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi