Sabato 15 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 09:28
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


REGGIO EMILIA, PRC ADERISCE SCIOPERO ENIA CONTRO LA PRIVATIZZAZIONE


COMUNICATO PRC - REGGIO EMILIA. Il Sindaco Del Rio ha compiuto un vero e proprio capolavoro.E’ riuscito a mettere insieme tutti gli utenti (scontenti per i continui aumenti delle bollette), tutti i lavoratori esclusi dalle scelte strategiche della loro azienda, tutti i Sindaci che si ritroveranno senza dividendo, tutto il comitato acqua bene comune e soprattutto è riuscito a ricomporre la grave frattura sindacale riunendo Cgil Cisl e Uil.Mai a Reggio Emilia tutti i lavoratori della ex Agac erano scesi in piazza contro l’amministrazione e mai un Sindaco si era negato ai sindacati che da oltre un anno chiedono un confronto.Le gravi ripercussioni dovute dalla fusione con Iride non possono e non devono passare sotto silenzio.In un “paese normale” un’amministrazione avrebbe rassegnato le dimissioni o avrebbe rivisto il percorso di privatizzazione.
Tutti i quesiti posti da Rifondazione comunista si sono dimostrati fondati e non ideologici, adesso è arrivato il momento della verità, quella che la maggioranza ha negato quando cacciò il PRC dalla giunta, e in occasione del Consiglio Provinciale straordinario di lunedì scorso. Anche in quella occasione il PD e l’IDV hanno continuato sulla strada della privatizzazione di Enia e dell’acqua votando addirittura contro un documento del comitato, quello stesso documento votato da moltissimi comuni d’Italia oltre che da Cavriago e San Polo.Aderiremo convintamente allo sciopero di lunedì e chiederemo al Sindaco di venire a relazionare in Consiglio Provinciale sui danni prodotti dalla fusione, danni sociali ed economici a tutta la collettività.
E’ arrivato il momento di fermare la fusione e di dire no alla privatizzazione dell’acqua voluta dal PD e i suoi fedeli alleati prima, e dal governo poi.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi