Giovedì 17 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento 08:30
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Legambiente, rischio nuovo cemento. Il pacchetto urbanistico di Alemanno è indecente
''Il nuovo anno si aprirà con un serio rischio cemento in Assemblea Capitolina. Sono decine e decine, infatti, le proposte urbanistiche del Sindaco Alemanno, che il massimo organo del Comune rischia di trovarsi a discutere, un ''pacchetto'' che farebbe crescere i numeri del già enorme piano regolatore da 65,8 a oltre 100 milioni di metri cubi''.

Si chiama "Roma al Metro Cubo" il nuovo dossier di Legambiente Lazio dove sono presentati questi dati. Il dossier è dedicato ''Alle più recenti vicende dell'urbanistica romana al tempo del Sindaco Alemanno, con tutti i casi più eclatanti, i numeri più significativi in materia di gestione del piano regolatore, le storie dei nuovi metri cubi della Capitale''. 

Legambiente rilancia una ''mobilitazione generale'', attraverso iniziative contro il ''pacchetto urbanistico'' di Alemanno. Iniziative da condividere e allargare a comitati e associazioni mobilitati sulle diverse questioni.

''Più 33mila metri cubi per i 4 grattacieli di 16 piani e le 11 palazzine a Casal Boccone in IV Municipio, con una evoluzione della rendita fondiaria in rendita bancaria, visto che l'area sarebbe stata ceduta da un costruttore a un noto gruppo bancario a copertura di posizioni debitorie; piu' 790 mila metri cubi per il raddoppio della centralit Anagnina Romanina in X Municipio; piu' 1,5 milioni di metri cubi per la valorizzazione immobiliare delle Caserme nei Municipi I, V, XI, XV, XVII, XVIII, XIX. E ancora, piu' 48 mila metri cubi per il cambio di destinazione d'uso dell'area dell'Ex Velodromo nel Municipio XII, da Cittadella dell'Acqua a tutto residenziale; pi 84 mila metri cubi per i 270 appartamenti per il personale dell'Aeronautica Militare tra la centralit Bufalotta e il Parco delle Sabine, nel IV Municipio; più 50 mila metri cubi per un palazzo di 6 piani con funzioni residenziali, commerciali e terziarie al posto dell'ex Deposito Atac Piazza Bainsizza/Prati/Delle Vittorie, nel XVII Municipio; piu' 96 mila metri cubi per la ''riqualificazione'' della Vecchia Fiera di Roma, Via Cristoforo Colombo, XI Municipio''. 

"Il diluvio di cemento del pacchetto urbanistico di Alemanno è indecente. L'Assemblea capitolina fermi la discussione di qualsiasi variante in campagna elettorale, basta costruttori Re di Roma, a pagare non possono essere ancora una volta i cittadini, i quartieri - afferma Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio. - Altro che "Roma cambia" come aveva promesso Alemanno, altro che revisione del PRG, solo le delibere più note porterebbero i numeri del piano regolatore ad un secco incremento del 50% delle cubature rispetto a quanto approvato nel 2008, passando dagli esagerati 65,8 milioni di metri cubi già previsti, a oltre 100 milioni, tutti con varianti francobollo in assenza di una qualsiasi valutazione generale che richiederebbe ovviamente una variante generale dello strumento urbanistico''.

''Questa discussione rischia di lasciare una pesantissima eredità alla prossima Assemblea capitolina, di questo passo si tornerà presto ai 120 milioni di metri cubi che tutti riconoscevano come lo scandaloso residuo del piano regolatore del 1965, riportando l'urbanistica romana a 50 anni fa. Legambiente rilancia la mobilitazione, scriveremo oggi stesso ai capigruppo in Campidoglio per fermare lo scempio e nelle prossime settimane metteremo in campo nuove azioni contro il diluvio di cemento di Alemanno''.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi