Mercoledì 05 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 08:32
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Ilva, ora indaga la Commissione europea: violazione del diritto alla vita

La Commissione europea sta indagando sulla possibile violazione da parte dell'Ilva del diritto alla vita sancito dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, secondo quanto indicato dal portavoce del commissario Ue all'ambiente Janez Potocnik. Per fare luce sul rispetto dei principali fondamentali dell'Ue e delle regole europee in materia di ambiente, la Commissione ha inviato alcune domande alle autorita' italiane la settimana scorsa nell'ambito di uno scambio di informazioni e "un'indagine pilota" sull'Ilva in corso dal marzo del 2012. Le domande vertono "sull'applicazione della direttiva europea sulla prevenzione e il controllo dell'inquinamento (Ippc), sulla gestione dei rifiuti e delle acque di scarico prodotte dall'Ilva e sulla possibile violazione del diritto alla vita sancito dalla Carta europea dei diritti fondamentali," ha spiegato il portavoce Joseph Hennon. L'Italia deve chiarire questi punti entro la fine di luglio, secondo quanto indicato da Hennon. La Carta dei diritti fondamentali dell'Ue stabilisce all'articolo 2 che "ogni individuo ha diritto alla vita". In un incontro svoltosi a luglio tra la Commissione Ue e due organizzazioni non governative italiane sul tema Ilva, le ONG hanno esortato Bruxelles a prendere misure adeguate lamentando carenze nell'operato del governo. "Durante le discussioni, la gravita' della situazione e' stata riconosciuta dalla Commissione, ed e' stato inoltre sottolineato che la Commissione prendera' in considerazione tutti i dati disponibili per prendere una decisione sull'eventuale necessita' di nuove misure esecutive," ha aggiunto il portavoce Hennon.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi