Mercoledì 18 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento 23:19
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Avellino: Cgil ribadisce no a trivellazioni
La Cgil di Avellino aderisce e partecipa all’iniziativa di domani a Gesualdo organizzata dai comitati No Triv, contro le trivellazioni petrolifere in provincia di Avellino. “Rinnoviamo il nostro impegno – afferma il segretario provinciale, Vincenzo Petruzziello – partecipando all’incontro di domani e sostenendo le ragioni dei comitati No Triv, coerentemente con la posizione della Cgil già assunta nei mesi scorsi in merito alla possibilità di trivellare il territorio irpino. Una posizione non frutto di preconcetto – spiega Petruzziello – ma suffragata da dati concreti che attestano il rischio derivante dalle trivellazioni per il patrimonio ambientale dell’Irpinia, lo scarso impatto occupazionale derivante da una presunta vocazione petrolifera della nostra provincia che andrebbe tutta verificata ma con grosso depauperamento della risorsa naturalistica”.

“La Cgil – continua il segretario – non ha mai nascosto la volontà di suggerire altre strade per il rilancio dell’occupazione ed in ottica di sviluppo, partendo proprio dalla valorizzazione delle risorse naturali e dell’agricoltura in Provincia di Avellino. Non siamo contrari alla modernità, abbiamo sostenuto battaglie per la realizzazione di importanti infrastrutture, ma solo quando queste rappresentano la prospettiva di benefico per la popolazione della Provincia di Avellino. Le trivellazioni petrolifere rappresentano un salto nel buio sotto il profilo dello sviluppo e una sicura ferita inferta al nostro territorio, che potrebbe mettere a rischio anche le risorse idriche, che rappresentano il vero petrolio di questa terra. Per questo – conclude Petruzziello – domani parteciperemo all’iniziativa di Gesualdo, rinnovando la nostra azione e la nostra battaglia e cogliamo l’occasione per sollecitare la Regione Campania ad esprimere, nei confronti del Governo, il parere sfavorevole all’iniziativa, facendo fronte comune con le popolazioni irpine e gli oltre 60 comuni che hanno già deliberato la loro contrarietà alle trivellazioni”.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi