Martedì 25 Febbraio 2020 - Ultimo aggiornamento 12:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Cile, se la multinazionale mineraria ha il vizio di trasformare i ghiacciai in discariche
Ghiacciai trasformati in discariche: e' la sorte toccata al Glaciar Esperanza e al Glaciar Guanaco denunciata da Greenpeace che come principale responsabile indica la Barrick Gold, il colosso minerario canadese impegnato nel milionario progetto estrattivo Pascua Lama, sulla Cordigliera delle Ande fra Argentina e Cile. In un rapporto diffuso nel fine-settimana, l'organizzazione ambientalista internazionale ha documentato i rifiuti emersi nell'area del giacimento grazie al disgelo portato dalla primavera: sacchi di immondizia, tubi di ferro e una grande quantita' di materie plastiche che infestano il territorio.
Il Cile detiene il triste record di essere il principale distruttore di ghiacciai rocciosi al mondo e le autorita', che di fronte al mondo si impegnano per la tutela di queste riserve idriche, stanno promuovendo una legge a favore dell'industria mineraria" denunciava gia' a maggio il responsabile di Greenpeace a Santiago, Matias Asun. Dando seguito alle sue dichiarazioni, il nuovo rapporto chiede al governo di Michelle Bachelet di invertire la rotta e sancire con un'apposita legge l'inviolabilita' dei ghiacciai.
Gia' lo scorso anno, anche studiosi come l'esperto dell'Universita' del Cile Francisco Ferrando avevano avvalorato le denunce di Greenpeace, nonostante le smentite di Barrick. Sotto accusa, fra gli altri, anche i giacimenti minerari Andina, della Codelco (la statale Corporación Nacional del Cobre), e i Bronces di Anglo American.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi