Domenica 26 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento 22:15
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


La città delle discariche. Cittadini esasperati. L'ultima segnalazione ha dell'incredibile
A Roma non si contano più le piccole e grandi discariche a cielo aperto che segnano non più soltanto le aree abbandonate o limitrofe a zone non urbanizzate ma anche veri e propri rioni. L’ultimo caso arriva dalla Cecchignola, territorio nel quadrante Sud-Ovest della Capitle. Ed ha dell’incredibile. Anche perché, ed è questo il motivo della segnalazione, si tratta di una zona che ricade nel municipio governato dal signor Santoro, del Pd. Chi è Adrea Santoro? Santoro è uno di quei politici di periferia che qualche mese fa fece parlare di sé proponendo di voler ripulire il quartiere dalla lucciole, attraverso le "zone rosse". Usò proprio questi termini. Non male, quindi, per uno che non riesce a togliere nemmeno un po’ di cartacce tanto da trasformare i marciapiedi che circondano un parco giochi (sì, avete capito bene) in una vera e propria discarica. Una discarica in cui, ciliegina sulla torta, è stata rinvenuta dagli stessi cittadini lana di vetro. Ma non è finita qui, la situazione che il signor Francesco Iacovone, uno dei tanti cittadini che stanno protestando da anni, ci descrive, corredando la segnalazione con una serie di fotografie, non è affatto entusiasmante. “In via Zanetta e nelle strade attigue al parco giochi, i cassonetti sono stati posizionati lungo il marciapiede. Questo significa che la deambulazione, specialmente per le persone con disabilità, è complicata. Immaginatevi cosa può succedere se, come accade spesso, i rifiuti non sono raccolti”.
Il problema, è ancor più grave perché si realizza a poca distanza da luoghi frequentati dai bambini. “Nelle foto che ho scattato questa mattina, si vede bene”, osserva Iacovone. In effetti si notano cassonetti debordanti e rifiuti a terra, proprio intorno al muro di cinta del parco giochi. “Immaginati che spettacolo quando tira il vento: qui oltre che un problema di igiene, ce n’è uno anche di sicurezza stradale”.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi