Venerdì 30 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento 06:08
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Piacenza, il video della carica davanti all'Ikea
IL VIDEO DELLA CARIC
Quattro lavoratori ricoverati all'ospedale. E' stato ancora caricato, in due occasioni (la seconda con gas lacrimogeni), questa mattina, il picchetto dei facchini dell'Ikea che protestano da giorni per difendere i propri diritti e contro i licenziamenti dei sindacalisti del Sì-Cobas. A dare notizia del tentativo di sfondamento su uno dei quattro sit in degli 80 lavoratori delle coop è Nando Mainardi, Segretario Regionale di Rifondazione Comunista dell'Emilia Romagna. Anche perché lui e gli altri compagni del PRC presenti sul posto sono stati coinvolti nell'episodio. Nel pomeriggio, dopo l'intervento del sindaco di Piacenza è iniziato il confronto tra sindacato, cooperative e istituzioni. Intanto le immagini della violenza della polizia stanno facendo il giro del web. "Ai lavoratori che l'Ikea e le cooperative del consorzio Cgs hanno cacciato fuori dallo stabilimento, perchè sindacalizzati, e a tutte le persone venute a dar loro sostegno e solidarietà - sottolinea NAndo Mainardi - le forze dell'ordine hanno risposto con il manganello e con le botte. Ikea, che ha provato in questi anni a costruirsi una fama di multinazionale illuminata e democratica, non tollera il minimo dissenso all'interno dei propri stabilimenti: chi alza la testa paga. Bella pubblicità! Chiediamo a Cgs (la coop che gestisce i lavoratori in rivolta, ndr) se rientri nello spirito cooperativo quanto avvenuto oggi davanti ai cancelli dell'Ikea. Chiediamo, insieme ai lavoratori e ai Si-Cobas, che nessuno perda il posto di lavoro. Ringraziamo il Sindaco di Piacenza Paolo Dosi e l'Assessore al Lavoro Luigi Rabuffi per aver riaperto, con fatica, la strada del confronto tra le parti. Ikea e Cgs rifiutino la logica del manganello e adottino quella dello Statuto dei lavoratori".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi