Sabato 19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento 16:48
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
#BlockupyFornero. La mobilitazione prosegue: dal calcio al pallone ai calcio negli stinchi
Il prossimo obiettivo sarà ''il blocco del passaggio delle merci'', attraverso barricate nelle nstrade, per paralizzare le città metropolitane. L'''autunno caldo comincia quest'estate'' per il movimento Blockupy Fornero e viaggia su Twitter. I ''calci di rigore'' si trasformeranno in 'calci negli stinchi'.
Se la prima mossa è stata accamparsi nelle zone esterne al Parlamento: occupando, appunto soprattutto gli spazi pubblici, cosi' come e' successo un anno fa per il movimento di Occupy Wall street, ''Blockupy Fornero - spiega uno dei rappresentanti del movimento – intende dare un segnale al Paese, visto che gli spazi di dissenso sembrano assopiti”. “Vogliamo compattare le varie realtà di protesta contro la divisione'', continua.

“Le modalita' della protesta annunciate sono ''le stesse di quelle messe in pratica in Val Susa. Ci organizziamo e lanciamo assemblee - spiegano i rappresentanti di 'Blockupy Fornero' -attraverso la rete, soprattutto su Twitter”. Nel mirino ci sono soprattutto i provvedimenti annunciati dal ministro del lavoro Elsa Fornero. ''In Italia - spiegano gli attivisti - stiamo vivendo il piu' grosso attacco al diritto al lavoro. Se passano i provvedimenti come l'abolizione articolo 18 e altre garanzie''.
Non solo dissenso. Il loro obiettivo e' ''uno spettro ampio che ha chiara l'alternativa per un welfare che da anni si pratica, come il reddito di cittadinanza applicato in tutti i Paesi europei''. La protesta ha un carattere internazionale, ''per richiamare il mood europeo, passando per Francoforte'' con lo slogan in forma di domanda: ''l'Europa delle banche o dei popoli?'' perché, ''per esempio in Italia la manovra Monti nel dopo Berlusconi è stata una mossa per abbassare la soglia di democrazia. Per questo ci organizzeremo attraverso nuovi
appuntamenti di dibattito, non mancheremo di farci risentire''.

 

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi