Domenica 19 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento 08:34
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Roma, Parco Nemorense: da giovedì raccolta firma contro l'abbattimento di 22 alberi per 8mila metri quadri di parcheggio
Ancora proteste: la speculazione a roma non si ferma. Siamo nel quartiere Salario-Trieste questa volta, al Parco Nemoresne: un progetto di un Pup, previsto dal piano urbano parcheggi in via Martignano, oggi mette a rischio 22 alberi all'interno del parco Nemorense, le cui radici saranno "sostituite" da 8mila metri quadrati di posteggi.
Per l'esattezza si tratta di 184 box disposti su tre piani e autorizzati nonostante i vincoli a cui è sottoposto il giardino, realizzato alla fine degli anni Venti da Raffaele De Vico. La concessione del diritto di superficie, rilasciata nel 2010 a Cosiac Srl e Consorzio romano parcheggi, porterà nelle casse comunali quasi 1 milione e 200mila euro. 
Nasce il comitato "Quelli che il parco" non ci sta e si fanno avanti "Questa è una villa storica - dichiara Silvia Naldi - È il nostro giardino. La sovraintendenza comunale ai Beni culturali ci ha confermato che il parco è vincolato in tutto il suo perimetro. Abbiamo chiesto ad Alemanno la revoca della concessione. Se non avremo risposta scriveremo al ministro Ornaghi". L'area sotto la quale dovrebbe sorgere il parcheggio, oggi ospita una pista da bocce, una sede dell'Ama e una del Servizio Giardini. 
"Abbiamo appena riavuto il nostro parco. Ci sembra incredibile che adesso si voglia fare un intervento così invasivo. Un giardino bello e frequentato come questo non può essere distrutto per costruire un parcheggio che non serve a nessuno". Nella stessa zona, a distanza di poche decine di metri, ce ne sono almeno altri quattro. "La gente non li usa. Quello ad ore sotto piazza Crati è sempre vuoto e tanti box di via Acherusio sono ancora in vendita". Il comitato ha chiamato a raccolta tutto il quartiere e in molti hanno risposto. Giovedì si incontreranno sulle panchine intorno al laghetto per lanciare una raccolta firme. 
Per strada e su Facebook in tanti hanno espresso il loro dissenso. Sono tutti increduli e inferociti. 
LA RACCOLTA FIRME PARTE GIOVEDì prossimo presso il parco.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi