Sabato 15 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 09:28
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Francia, e la studentessa kosovara prelevata dallo scuolabus e poi espulsa. La sinistra insorge
Manuel Valls, il Ministro dell'interno Francese, è finito nel mirino dei compagni di partito della gauche per come ha grstito un caso, molto delicato, di espulsione di una ragazza kosovara di 15 anni, mentre era su un pullman della scuola.

La ragazza è stata infatti fermata dalla polizia e poi espulsa dalla Francia insieme alla famiglia mentre si trovava in gita scolastica. La polizia avrebbe ordinato dunque ai professori di bloccare il pullman con gli studenti per allontanare subito l'adolescente, davanti ai suoi compagni.

I fatti accaduti sono del 9 ottobre e si sono svolti nell’est della Francia. Quel giorno la giovane è stata messa dentro un aereo per il Kosovo con i genitori e i cinque fratelli.
La giovane, frequenta in modo regolare la scuola da tre anni, risiedeva con l'intera famiglia in un centro di accoglienza per richiedenti asilo nel comune di Levier. Secondo varie fonti, la famiglia Dibrani ormai viveva in Francia da ben cinque anni e la sua situazione stava per essere regolarizzata.

La vicenda ha scosso i socialisti che si sono dichiarati «sotto choc» proprio per le condizioni in cui la ragazzina è stata di fatto fermata e poi consegnata alla polizia.

Valls ha poi ordinato un’inchiesta. "Tutti mantengano il sangue freddo - ha dichiarato - e nessuno dubiti neppure per un attimo che le regole del diritto vengono applicate dai miei servizi con intelligenza, discernimento e umanità".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi