Giovedì 23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 15:54
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Chiomonte, al via il processo presidio abusivo No Tav: 21 imputati
Abbiamo incontrato questa mattina Nicoletta Dosio, leader storica del movimento No Tav. E oggi a Torino è cominciato il processo collegato alla costruzione della cosiddetta baita Clarea, il presidio del movimento No Tav, che si trova all’interno del cantiere di Chiomonte, giudicato abusivo e messo sotto sequestro nel 2010.

Tuttavia la baita è stata difesa fino al Febbraio dell’anno 2012 ed è stata sgomberata quando è stata estesa l’area del cantiere di Chiomonte. Si tratta peraltro proprio dell'operazione in cui è rimasto ferito e in modo grave Luca Abbà, che per protesta era salito su un traliccio, salvo poi cadere in terra da un’altezza di dieci metri e ritornato alla lotta più avanti.

Sono 21 gli imputati, tra questi anche Alberto Perino, uno storico leader del movimento, e Beppe Grillo, a capo del Movimento 5 Stelle che ha presoparte a diverse  dimostrazioni.

In aula quando era in corso l’interrogatorio del comandante dei carabinieri della compagnia di Susa, Stefano Mazzanti presenziava solo Perino.

La Procura oggi contesta il reato di violazione di sigilli: "La baita, formalmente abusiva, nel 2010 fu poi occupata fino al febbraio del 2012.Intanto però, proseguono le azioni sovversive contro il Cantiere della Tav: questa mattina è stato incendiato un escavatore dell’impresa Geomont di Bussoleno che lavora nel cantiere di Chiomonte. Con quest’azione sale a 15 il numero di azioni di violenze in Valle di Susa dall’inizio di luglio. Stando a quanto riferisce l’Ansa, a dare l’allarme è stata la moglie del titolare dell’azienda che già lo scorso 31 agosto aveva subito delle azioni di boicottaggio: infatti, due compressori e una macchina, impiegata come trivellatrice nei lavori della Tav, erano andati a fuoco in un capannone, ma l’attentato non è mai stato rivendicato".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi