Mercoledì 01 Aprile 2020 - Ultimo aggiornamento 22:20
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Pedofilia, vittima scrive a Papa Francesco. "Curia non mi risarcisce di 47.000 euro"
Marcin K., sarebbe una vittima di pedofilia da parte di un sacerdote a Kolobrzeg, sul Mar Baltico.
Proprio la vittima avrebbe scritto una lettera indirizzata a Papa Francesco chiedendogli di intervenire a causa del rifiuto della curia vescovile locale di pagare il risarcimento dei danni chiesto da lui di 200 mila zloty (47.000 euro).

"Questa lettera vuol essere il grido di tutti i bambini senza nome dannati come me in Polonia", ha scritto Marcin K. A riferilrlo è Gazeta Wyborcza. 

Il quotidiano critica anche la Chiesa polacca, che si sarebbe rifiutata di risarcire i danni alle vittime della pedofilia dei preti. La legge polacca stabilirebbe infatti che la responsabilità civile e penale proprio per gli atti di pedofilia e' personale in modo esclusivo.

"Chiedo forse troppo da parte dei ricchi vescovi polacchi, che vivono in bei palazzi e viaggiano con limousine?", ha scritto la vittima che ha citato l'esempio di altri Paesi, tra cui Stati Uniti, Irlanda e Germania, laddove le curie vescovili - a seguito di accertamenti sulla colpa dei preti - risarciscono con denaro le vittime di abusi di pedofilia. Secondo Marcin K. , questo rifiuto della Chiesa polacca è ingiusto. Parte della responsabilita' per un reato di cui è colpevole un prete pedofilo cadrebbe anche sui suoi ecclesiastici superiori.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi