Martedì 25 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento 14:39
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Genova, metalmeccanici in protesta. Quattro ore di sciopero
"Lavoro-lavoro". E' questa la parola d'ordine dei metalmeccanici nel corteo per le vie del centro.

A Genova, ad aprire la manifestazione lo striscione della Fiom Cgil che ha indetto 4 ore di sciopero.
Poi ci sono i lavoratori di Selex Es che sono a rischio licenziamento.

"Per noi - ha spiegato Bruno Manganaro, segretario generale della Fiom Cgil di Genova - la parola d'ordine e' lavoro, lavoro. Se il lavoro non c'e', vanno garantiti gli ammortizzatori sociali. Chiediamo al governo il blocco di tutti i licenziamenti in Italia di utilizzare i contratti solidarieta'. Non e' accettabile - ha aggiunto - che si trovino 40 miliardi di euro per le imprese e non si trovi neanche un euro per i lavoratori che hanno in mano solo le lettere di licenziamento. E' vergognoso, poi, che ci siano manager, amministratori delegati e dirigenti che guadagnano 4 o 5 milioni di euro l'anno e non si trovi un euro per la cassa integrazione. Ai lavoratori viene data l'unica possibilita' di togliersi la vita. Noi - ha concluso - preferiamo la rabbia e la protesta".

In corteo anche i dipendenti di Fincantieri, Ansaldo, Ilva, Abb e delle Riparazioni Navali.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi