Sabato 07 Dicembre 2019 - Ultimo aggiornamento 23:51
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, precarietà abitativa versus speculazione edilizia. E' lotta dura con 9 stabili occupati
Dopo i 10 della passata stagione sono 9 gli stabili vuoti e abbandonati che oggi sono stati occupati all’interno della capitale. Occupazioni fortemente legate alle mobilitazioni attive in Campania e nel Lazio dove i territori oggi manifestano contro le discariche e le nocività e che a Roma, martedì 9 aprile, si faranno sentire con un corteo che raggiungerà le finestre della presidenza della Regione Lazio.
Le richieste? Il blocco generalizzato degli sfratti e degli sgomberi e la realizzazione immediata di un piano straordinario contro la precarietà abitativa.
Il segnale che oggi, dunque, arriva dalla capitale è forte è chiaro: Roma non si arresta dinanzi alla precarietà del diritto all’abitare, né aspetta le istituzioni, ma avanza riprendendosi gli spazi da destinare ai cittadini.
Sono giovani studenti e studentesse ad aver occupato lo stabile provinciale, attualmente in vendita al miglior offerente, nei pressi di piazza Galeno, in via Antonio Musa, per realizzare al suo interno uno studentato autogestito, dove per le ore 17 di oggi è indetta un’assemblea pubblica all’interno dello spazio occupato.
“Ci siamo ripresi uno stabile pubblico al centro di Roma e questo è solo l’inizio! – dichiarano gli occupanti, appartenenti al movimento Degage – Non è una minaccia, non è una promessa”. No. I rappresentati del movimento infatti parlano di un “avviso pubblico”. Si dichiarano infatti decisi e determinati a riprendersi quello che viene rubato direttamente dalle nostre tasche .

Continua a leggere 
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi