Venerdì 26 Febbraio 2021 - Ultimo aggiornamento 19:05
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Militante No Tav denuncia: “Ho ricevuto una manganellata in faccia, mi hanno toccata nelle parti intime e insultata"
Durante la conferenza stampa indetta dal movimento No Tav a Susa, Marta Camposana, un'attivista pisana di 33 anni, che è stata denunciata questa notte per resistenza, ha accusato: “Da quando mi hanno fermata a quando mi hanno portata all’interno del cantiere sono stati dieci minuti di follia. Ho ricevuto una manganellata in faccia, mi hanno toccata nelle parti intime e mi hanno insultata”.

“Le forze dell’ordine - ha proseguito Marta - ci hanno chiusi con due cariche e bersagliati con una pioggia di lacrimogeni. Poi sono stata colpita da una manganellata alle spalle e trascinata a terra. Una volta nel cantiere ho detto che avevo bisogno di un medico, ma mi hanno nuovamente insultata e portata al pronto soccorso soltanto quattro ore dopo, alla fine delle procedure in questura, dove mi hanno denunciata solo perché avevo del Maalox e dei limoni per contrastare i lacrimogeni”.

Nicoletta Dosio, portavoce del movimento No Tav: "Gli arrestati della scorsa notte sono degli eroi. Ero presente anche io e le forze dell’ordine hanno sparato lacrimogeni ad altezza d’uomo anche sulla gente che defluiva. E’ stata usata violenza inaudita. Oggi siamo qui per dire basta”.

La Dosio ha poi accusato i pubblici ministeri Andrea Padalino e Antonio Rinaudo di essere all’interno del cantiere “soltanto per convalidare arresti già decisi”.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi