Martedì 25 Febbraio 2020 - Ultimo aggiornamento 12:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Operazione trasparenza a Montecitorio, commessi e barbieri arrivano a 136mila euro l'anno
Tre giorni fa è iniziata "l'operazione trasparenza" sui costi della politica. Se è vero che le loro retribuzioni sono ferme (ma solo fino al 2015), è anche vero che la progressione dei loro stipendi non ha uguali.

Passiamo in ressegna le notizie più sconcertanti legate all'operazione trasparenza a Montecitorio: il segretario generale ha uno stipendio pari a 406.399,02 euro all'anno, aumenta di un 2,5% ogni due anni. I vice si attestano invece sui 304.847,29 euro.

I "collaboratori tecnici" (tecnici audio, o tecnici delle riprese tv interne), hanno stipendi pari a 30.619,24 euro percepiti appena assunti, ma arrivano ai 152.663,23 con un'anzianità di 40 anni di servizio.

I funzionari della struttura, i consiglieri parlamentari, guadagnano 64.815,28 euro.
Dopo 10 anni lo stipendio tuttavia arriva a toccare i 144.932,51 euro e poi i 228.609,09 euro a 20 anni. Se  gli anni di anzianità diventano 40 anni, lo stipendio annuale è di 358.001,43 euro.

I ragionieri della Camera al momento dell'assunzione guadagnano 38.929,32 euro per raggiungere i 237.990,39 euro con 40 anni di anzianità. I cosiddetti commessi, cioè gli "assistenti parlamentari" al momento dell'assunzione prendono 34.559,94 euro. Dopo 20 anni 89.528,05 euro per toccare i 136.120,45 euro con 40 anni di anzianità.

Barbieri, elettricisti e centralinisti. La retribuzione più "bassa" è degli operatori tecnici (barbieri, elettricisti, centralinisti, falegnami) con unostipendio di 30.351,39, dopo 40 anni di anzianità arrivano a 136.120,45.

Il segretario parlamentare, quelli dei vari uffici iniziano con una retribuzione di 34.875,15 che raddoppia dopo 10 anni (61.078,89) e che arriva a 149.227,07 dopo 35 anni per raggiungere il massimo di 156.185,02 con 40 anni di anzianità.

Gli straordinari non sono retribuiti, non è possibile svolgere un secondo lavoro.
Gli assunti dal 1 febbraio 2013 hanno stipendi ridotti del 20%, come deciso dal Consiglio di Presidenza di recente.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi