Martedì 25 Febbraio 2020 - Ultimo aggiornamento 12:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Egitto, le tensioni non si arrestano: premier invita a sgomberare le piazze
E' il primo ministro egiziano ad interim Hazem el-Beblawi a sostenere ancora una volta l'imposizione del governo di far sgomberare i sit-in a sostegno dell’ex presidente Mohamed Morsi, mentre in un messaggio di ieri ha espresso che  “la pazienza del governo sta per finire” e che i manifestanti a suo dire hanno “superato tutti i limiti pacifici”.

L’invito ai dissidenti dunque continua ad essere lo stesso e ancora “una volta quello di tornare rapidamente alle loro case e al loro lavoro”, promettendo che coloro chenon si sono macchiati le mani di sangue non saranno perseguiti legalmente."

Da parte loro, i Fratelli Musulmani, attraverso il portavoce Ahmed Aref, hanno dichiarato invece illegittimo il governo ad interim, aggiungendo: “Saremo ancora più determinati”.

Ha aggiunto poi Gamal Hishmat, uno dei leader politici del gruppo che fa riferimento a Mohamed Morsi: “Il comunicato con cui la presidenza egiziana ha dichiarato il fallimento degli sforzi diplomatici equivale a un preludio a nuovi massacri dei manifestanti pacifici che chiedono il reintegro del deposto Mohammed Morsi”.

L’Unione Europea, non si arrende, si è espressa per bocca di Michael Mann, portavoce della responsabile per la politica estera Catherine Ashton: “L’Ue continuerà a fare tutto quando può per provare ad ottenere ed incoraggiare che il dialogo inclusivo prosegua”.

Ieri ci sono stati ancora scontri tra opposte fazioni; ad Alessandria d’Egitto, secondo l’agenzia Mena: un morto e decine di feriti.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi