Martedì 22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento 23:36
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Piemonte, braccianti ottengono fontana nell'accampamento, solo per bere. Ancora disagi e sfruttamento
In aumento le manifestazioni di protesta dei lavoratori del settore agricolo.

Sobo i braccianti – spesso i migranti di origine africana – che protestano per chiedere condizioni di lavoro e anche di alloggio dignitose.
L’ultimo esempio è quello di Saluzzo. Si tratta di una località piemontese della provincia di Cuneo.
Qui, in estate, sono molti i migranti che cercano un’occupazione e si offrono come lavoratori dell’agricoltura, ma anche come raccoglitori di pesche, mele e prugne.

A Saluzzo i lavoratori, due giorni fa,  sono scesi in piazza.

Hanno sfilato lungo le vie cittadine: avevano sete e chiedevano di usufruire dei servizi idrici.

Molti tra i braccianti vivono in condizioni precarie. Si trovano in un accampamento/alloggio di fortuna all’interno del distretto cittadino e in baracche senza elettricità, senza acqua.

Insufficienti i servizi di alloggio che ha offerto il comune e Coldiretti.

Quando i migranti hanno cercato di attaccarsi alla rete idrica comunale in modo abusivo si sono visti interrompere la fornitura d’acqua, scelta dell’amministrazione.

Il sindaco ha messo due giorni fa una fontana all’accampamento di migranti, ma potrà essere utilizzata solo per bere, non per lavarsi.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi