Sabato 25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento 19:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


L'incendio al Cavallerizza di Torino, Prc: "Con le fiamme vogliono cancellare un bene comune"
Incendio doloso: e' questa l'ipotesi su cui stanno lavorando gli investigatori per spiegare il rogo divampato attorno all'1.30 della notte alla Cavallerizza Reale di Torino. Non si esclude che si tratti di un gesto dimostrativo contro gli occupanti che da da tempo cercano di opporsi alla vendita da parte del Comune. I locali danneggiati nel Circolo Beni Demaniali, in particolare una stanza utilizzata come archivio e sala da biliardo che e' stata devastata dalle fiamme, sono stati posti sotto sequestro. Quando l'incendio e' divampato, nel cortile della struttura si trovavano ancora 200 persone che avevano assistito a un concerto di musica jazz e che sono state evacuate.

Sulla vicenda è intervenuto Ezio Locatelli, segretario del Prc di Torino con la seguente dichiarazione: 
"Con le buone o le cattive c'è chi vuole disfarsi di uno dei beni storici, pubblici della città dando via libera ad operazioni di speculazione edilizia. Questo il movente a cui viene da pensare in relazione al gravissimo incendio di natura dolosa che c'è stato questa notte alla Cavallerizza Reale di Torino, edificio di grande valore storico e culturale. L'edificio, a suo tempo proclamato patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, è da alcuni mesi occupato da lavoratori e lavoratrici dello spettacolo e della cultura, studenti e associazioni varie in segno di protesta contro la svendita a privati decisa dal Comune di Torino e, al tempo stesso, per chiedere al Comune una diversa gestione del patrimonio pubblico e degli spazi culturali della città. Nel chiedere di accertare tempestivamente le responsabilità di questo gravissimo episodio criminoso chiediamo anche che siano immediatamente bloccate operazioni di svendita a privati dell'importante complesso storico. Il Consiglio Comunale di Torino sia convocato immediatamente per rivedere una decisione di svendita assurda, scandalosa a maggior ragione dopo un incendio doloso avente di mira la cancellazione di un bene comune. Questo obiettivo non può essere in alcun modo e in nessuna forma avvalorato. L'amministrazione pubblica  attui operazioni di recupero e di piena fruibilità della Cavallerizza Reale unitamente alla piena fruibilità degli spazi di cultura e socialità della città".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi