Giovedì 13 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 09:28
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Razzismo, in Italia cresce sempre di più. Lo dicono le agenzie governative
Aumentano in Italia le segnalazioni di casi di discriminazione, +17,1% in un anno, e la maggior parte di questi episodi è a sfondo razziale o etnico. I pregiudizi sono duri a morire, e la crisi economica sicuramente non favorisce un clima di convivenza serena. L'Unar, Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali, anche quest'anno ha istituito la Settimana d'azione contro il razzismo, per la quale ha chiamato a raccolta Governo, enti locali, mondo della scuola e dello sport. La presentazione dell'undicesima edizione della Settimana, e della relativa campagna "Accendi la mente e spegni i pregiudizi", è stata l'occasione, oggi a Palazzo Chigi, anche per fare il punto sulla riforma della cittadinanza. Con il sottosegretario con delega all'Integrazione, Franca Biondelli, che ha ricordato che in Parlamento giacciono più di 50 proposte di legge e ha assicurato che "il Governo affronterà il problema". Per Biondelli infatti "la situazione è insostenibile" e "occorre mettere insieme un testo unico". Anche l'Anci sta facendo pressione per una riforma della cittadinanza. Il presidente Piero Fassino ha sottolineato che "il 10% della popolazione in Italia è di origine straniera" e che "ci sono tanti bambini nati qui ma che secondo la legge non sono cittadini italiani. Cresce di mese in mese, infatti, il numero dei Comuni che, in mancanza di quella vera che si può ottenere solo a 18 anni, concedono la cittadinanza onoraria ai ragazzi delle seconde generazioni.
I direttore di Unar Marco de Giorgi ha spiegato che "i dati statistici 2014 sulla discriminazione attestano che più del 30% del cosiddetto 'discorso di odio' viaggia online ed è questa la frontiera più difficile da contrastare". Sui pericoli dei pregiudizi si è soffermato anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, che ha invitato a "tenere sempre alta la guardia perché‚ si tratta di una battaglia che non è vinta una volta per tutte". Per il 2015, Reggio Calabria è stata scelta come capitale anti-razzista d'Italia, e sarà il cuore di tante iniziative: è a Reggio infatti che si celebrerà, con la partecipazione di centinaia di ong e associazioni, l'evento centrale del 21 marzo, Giornata mondiale contro il razzismo indetta dalla Nazioni Unite
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi