Mercoledì 23 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento 11:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Idrocarburi, Scanzano celebrerà l'anniversario della sua lotta contro il nucleare con la richiesta di chiusura dei pozzi petroliferi: "La vocazione di questo territorio è tutt'altra"
Oltre 5mila firme raccolte dall’Associazione ScanZiamo le Scorie attraverso la piattaforma online Change.org per chiedere al Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, ai consiglieri regionali e al Governo di fermare le attività estrattive in Basilicata ed investire nel territorio e nei settori dell’agroalimentare e del turismo. I cittadini di Scanzano quasi quindici anni fa portarono avanti una lotta di massa contro l'idea di stabilire nel loro territorio il deposito delle scorie nucleari. Il deposito è ancora in cerca di una "locazione". E proprio in questi mesi verrà l'ok definitivo da parte del Governo. 

Per il portavoce di "ScanZiamo le Scorie", Pasquale Stigliani, il petrolio è una risorsa limitata. "Tra qualche anno terminerà anche lo sfruttamento del giacimento in Basilicata che non è più considerato strategico dal Governo nazionale. L’innovazione tecnologica ha rivoluzionato le forme di utilizzo dell’energia spostando i consumi anche dei trasporti sul vettore elettrico, soddisfatto dalle fonti rinnovabili. Lo scenario terminale dell’impiego degli idrocarburi e i danni che comporta il suo sfruttamento impongono al più presto l’apertura di un confronto al fine di decidere quale sarà la strada da intraprendere per andare oltre al petrolio", aggiunge.

"E’ necessario – continua Stigliani - attivare al più presto un programma d’uscita che diventi un’opportunità per creare nuovi posti di lavoro. E’ necessario investire sul territorio e sull’unicità dei luoghi presenti con il protagonismo di settori fondamentali per la creazione di sviluppo locale come l’agroalimentare e il turismo e cogliendo questo grande momento visibilità che offre Matera Capitale della Cultura europea".

La raccolta delle firme proseguirà fino al XIV anniversario della protesta contro il deposito di scorie nucleari che si svolgerà anche questo anno a Scanzano tra il 13 e 27 novembre. Nell’occasione, i rappresentanti politici verranno investiti della volontà delle migliaia di firme raccolte "con una proposta sia di chiusura delle attività estrattive degli idrocarburi in Basilicata" che hanno generato uno “sviluppo distorto del territorio” che per favorire lo sviluppo sostenibile del territorio.
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi