Giovedì 18 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento 21:49
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Carcere di Sanremo, rivolta contro il sovraffollamento. Polizia penitenziaria: "Gestione fallimentare del direttore"
Rivolta la scorsa notte nel carcere di Sanremo. La protesta è iniziata intorno alle 21, in modo pacifico, per poi riprendere in piena notte con il lancio di oggetti nel cortile interno. Ci sono volute diverse ore di trattativa per riportare la calma. "Chiediamo al Guardasigilli - spiega il segretario regionale del Sappe Michele Lorenzo - che intervenga sulle carceri liguri. Sanremo è piena di eventi critici, c'è una gestione fallimentare del direttore. E anche nelle altre case circondariali le cose non vanno meglio. Occorre intervenire al più presto per evitare che la situazione degeneri". 

Il 10 ottobre c'era già stata un'altra rivolta di dimensioni più contenute. Dieci detenuti nordafricani si erano rifiutati di far rientro nelle proprie celle dopo l'ora d'aria. 

Tra le altre criticità, il penitenziario è sovraffollato a causa del crollo del ponte Morandi, che rende impossibile i trasferimenti verso Genova. C’è spazio per al massimo 190 persone, al momento della ribellione ce n’erano 270. "Questo ennesimo evento è uno dei tanti segnali che rilevano la prossima implosione del sistema penitenziario e soprattutto del carcere di Sanremo - ha ribadito Fabio Pagani, segretario regionale della Uil Polizia Penitenziaria -. Ormai ogni istituto è una polveriera pronta a deflagrare. Invitiamo il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede a intervenire per risolvere con urgenza questa criticità".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi