Mercoledì 24 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento 14:41
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
UNIVERSITÀ:STUDENTI BARI,PREOCCUPATI DA DISCORSO NAPOLITANO


BARI, 15 GEN - «Profonda sorpresa e preoccupazione» per il discorso, all'inaugurazione dell'anno accademico dell'ateneo barese, del presidente della Repubblica che «ha avuto parole di apprezzamento per la riforma universitaria del ministro Gelmini» viene espressa in una nota dall'associazione Link-Unione degli universitari e dai Collettivi di lettere e filosofia, di medicina e dei fuorisede di Bari, che stamani hanno manifestato nelle vicinanze del teatro Petruzzelli dove si svolgeva la cerimonia.
Gli studenti sottolineano che si tratta di una riforma «che mira a smantellare l'Università pubblica, abolendo ciò che ne fa un bene comune», che «trasforma radicalmente il senso dell'Università sancito dalla Costituzione di cui il presidente della Repubblica è garante». Gli studenti sottolineano che il bilancio dell'università di Bari ha «un buco di 52 milioni di euro, destinati ad aumentare». «PerchŠ Napolitano, il magnifico rettore, gli organismi dell'Universit - aggiungono gli studenti - non spiegano a tutti/e come sia stato creato questo incredibile deficit? PerchŠ non ci spiegano come intendono risolvere il problema? Noi proviamo ad immaginare (e del resto questa storia si ripete sempre uguale): aumento delle tasse a cui corrisponder una drastica riduzione dei servizi; questa perversa equazione che si ripete da vent'anni e che ha permesso a generazione di baroni di lavorare mentre gli studenti vedevano peggiorare la propria situazione anche sotto attacco di governi centrali e locali e di potentati economici, rischia di essere l'atto di smantellamento finale dell'Universit degli Studi di Bari».
Gli universitari lamentano anche la posizione «molto più morbida rispetto al passato» dei rettori di fronte all'ipotesi di riforma, ricordando che in passato avevano minacciato anche le dimissioni mentre ora si limiterebbero a «dichiarazioni preoccupate». Gli studenti annunciano una 'controinaugurazionè per il 20 gennaio prossimo. (ANSA).
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi