Mercoledì 05 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 08:32
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Eurostat: spesa pubblica per l'istruzione, l’Italia scende al 21°
Era al 18° un anno fa. La spesa più alta è in Danimarca, Svezia e Belgio. Università, meno dell’Italia spende soltanto la Slovacchia

BRUXELLES - Dopo il rapporto Ocse dei giorni scorsi, che raccomandava ai governi dei paesi industrializzati di investire di più nell’educazione per superare prima e meglio la crisi economica, e che ha messo a nudo i tanti problemi della scuola italiana, l’Eurostat ha reso noti oggi i dati della spesa pubblica per l’istruzione primaria, secondaria e universitaria nei paesi Ue. Si tratta dei dati comparabili più recenti basati sugli indicatori messi a punto per il 2007, con una metodologia comune, da Eurostat, Unesco e Ocse.
L’indicatore globale che permette di raffrontare gli investimenti, tenendo conto delle diverse ricchezze nazionali di ogni paese, è la spesa totale per l’istruzione espressa in percentuale rispetto al Pil. In media, i 27 paesi dell’Ue dedicano a questa importante voce di spesa il 5,2% del loro Pil. La spesa più alta è in Danimarca (7,1%), Svezia (6,2%) e Belgio (6,1%). L’Italia (4,4%) è al 21° posto, era al 18° un anno fa.

Scarsi anche i fondi privati a disposizione della scuola italiana. Nella media dei 27 paesi Ue i finanziamenti privati agli istituti di istruzione rappresentano il 13,5% della spesa totale, ossia 0,7% del Pil. In Italia i privati concorrono soltanto per il 9% della spesa totale (0,4% del Pil). Per quanto riguarda l'istruzione post-secondaria (università e studi equivalenti) meno dell'Italia spende soltanto la Slovacchia. I 27 paesi Ue, nel loro insieme, spendono infatti per le università l’1,2%% del PIL, l’Italia lo 0,9%. La Danimarca spende per le università 1,7% del Pil, Finlandia 1,6% e Svezia l’1,5%. Tradotto in moneta corrente, a parità di potere d’acquisto i paesi dell’Ue spendono in media per l’istruzione di uno studente a tempo pieno 6251 euro l’anno (erano 5970 euro un anno fa: + 5%). L’Italia spende in media 6205 euro l’anno (6984 un anno fa:-11%).

Per fare un raffronto più ampio, la spesa media per uno a tempo pieno è di 7752 euro in Giappone e di 11785 euro negli Stati uniti (+88% rispetto alla media Ue).
Più nel dettaglio, i paesi dell’Ue spendono in media 5171 euro per un bambino della scuola elementare, 6298 per un allievo delle scuole superiori e 9102 per uno studente dell’insegnamento universitario o equivalente. La spesa più elevata è in Austria (8695 euro) e in Danimarca (8595), la più bassa, sempre a parità di potere d’acquisto, in Bulgaria (2290 euro). Per uno studente universitario l’Italia spende 7211 euro, circa la metà di quanto si spende in media in Svezia, Danimarca, Olanda, Austria, Regno unito.
Le spese per il personale rappresentano in tutta l’Ue il 77% del totale (Italia 78,6%). Le spese correnti il 91% (Italia 94%), le spese in conto capitale 8,5% (Italia 5,7%).
In media, il 6% della spesa totale finisce direttamente nelle tasche degli studenti e delle famiglie sotto forma di aiuti (borse di studio, buoni libro ecc.). In Danimarca gli aiuti coprono oltre il 16% della spesa pubblica totale, in Italia il 5%. (Carlo Caldarini)
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi