Martedì 26 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento 18:02
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


John Reed, come raccontò la lotta di classe negli Stati Uniti

Un muckraker, cioè un giornalista d'inchiesta che "rastrellava nel letame" per denunciare corruzione, abusi, ingiustizie su riviste a diffusione popolare, uno storyteller, ciò uno capace di raccogliere le storie dei lavoratori, degli esclusi, vivendoci insieme e di raccontarle in un articolo, in un'inchiesta, informando e coinvolgendo. L'autore di un libro - I dieci giorni che sconvolsero il mondo - che è stato forse uno dei più grandi instant book del Novecento, un racconto appassionato della Rivoluzione d'ottobre scritto in diretta e letto in tutto il mondo. Un intellettuale americano radical , una grande firma, attivista socialista, poi comunista: è stato tutto questo John Reed, nato nel 1887 a Portland, nell'Oregon. Morto a soli 33 anni, sepolto a Mosca, oltre che per il suo libro testimonianza sulla caduta dello zarismo e sulla rivoluzione russa , aveva già raggiunto il successo nel 1914, quando come corrispondente del "Metropolitan" scrive Messico insorge, reportage sulla sfortunata rivoluzione messicana di Pancho Villa ed Emiliano Zapata.

Meno nota è invece la sua attività di giornalista e attivista svolta agli inizi del '900. Nei primi anni del secolo gli Stati Uniti furono il teatro di lotte sociali e sindacali durissime. Il paese era scosso da mutamenti sociali ed economici di grande portata. L'espansione della grande industria ad Ovest era accompagnata da processi di migrazione interna e mondiale. Grandi masse di lavoratori poco qualificati, bianchi e neri, si trovavano coinvolti in un processo di industrializzazione che aveva i tratti durissimi di una vera e propria accumulazione iniziale.
Gli articoli e i saggi pubblicati nel volume Red America. Lotta di classe negli Stati Uniti (a cura di Mario Maffi, Nova Delphi, pagg. 245, 12 euro) testimoniano la partecipazione e la passione con le quali Reed visse quelle grandi lotte. Si tratta di articoli ormai introvabili o inediti che costituiscono un'ottima fonte per chi vuole approfondire le vicende storiche del movimento operaio americano del primo 900 e che testimoniano come il giornalismo d'inchiesta, allora come oggi, trovi un senso quando si interroga e indaga le radici sociali e umane dei conflitti che scuotono classi e nazioni.
Il movimento operario americano aveva dato prova di grandi capacità di lotta e di iniziativa negli anni successivi alla Guerra Civile. E, come nel resto del mondo, anche negli Usa, alla fine dell'800, si erano consolidati organizzazioni sindacali e partiti di ispirazione socialista e laburista. Nel 1905 nascono gli Industrial Workers of the World, un'organizzazione sindacale radicale che entra in contrasto con le posizioni moderate dell'Afl, il sindacato storico e conservatore. Gli IWW, i wobblies, rappresentano per la prima volta i lavoratori non qualificati: lavoratori stagionali, neri, donne, lavoratori migranti che cercano fortuna all'Ovest dove l'industria vive una fase di espansione e di accumulazione impetuosa. Scioperi e scontri sono molto duri: gli industriali utilizzano a fianco della Guardia nazionale vere e proprie polizie private per reprimere gli scioperi e per terrorizzare i lavoratori. E' in questo contesto carico di conflitti radicali che si forma Reed.
"C'è guerra a Paterson. Ma è uno strano tipo di guerra: la violenza viene tutta da una parte sola, dalla parte dei proprietari di setifici ... Lasciate che vi racconti che cosa ho visto a Paterson: a voi giudicare quale parte di questa lotta è "anarchica" e "contraria agli ideali americani"". Così scrive l'inviato Reed, raccontando e denunciando, sulla rivista "The Masses" nel giugno del 1913.
Partecipa direttamente allo sciopero e ai picchetti, finisce in carcere, organizza con altri intellettuali radicals uno spettacolo teatrale per far conoscere a New York la lotta di questi operai. In poco tempo diventa un giornalista famoso. Dopo qualche anno il suo racconto della Rivoluzione d'ottobre ne farà un modello di giornalista militate per gli intellettuali americani e per i giornalisti di tutto il mondo.

 

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi