Martedì 22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento 23:36
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Libri & Conflitti. L'estratto da La magnitudine dell'indigenza, di Girolamo Grammatico
. Libri & Conflitti La magnitudine dell'indigenza, di Girolamo Grammatico (Giulio Perrone editore) è un progetto corale che vede coinvolti tre artisti diversi con un unico obiettivo: raccontare, in modo introspettivo, la vita di strada.
Girolamo Grammatico (scrittore), MarK Dantès (cantautore) e Fabio Renzi (fotografo) hanno unito le loro sensibilità per intraprendere un viaggio al fianco delle persone senza dimora.
Il progetto si propone infatti di offrire uno sguardo soggettivo sul disagio, sensibilizzare in punta di piedi, avvicinare coloro lo desiderino al sottobosco metropolitano.
"La magnitudine dell'indigenza" è una raccolta di versi dedicata al mondo delle persone che vivono per strada di Girolamo Grammatico.
Tale raccolta, diventata un libro, è entrata in risonanza con il cantautore Mark Dantès che ne ha fatto un album: "Dietro un angolo" nel quale i versi delle poesie hanno trovato un loro ritmo, una dimensione melodica ancestrale. Ogni immagine poetica ha allargato i propri confini grazie alla limpida voce di Mark.
Attorno ai versi di Grammatico e alle sonorità di Dantès si muove lo sguardo attento e mai invasivo di Fabio Renzi che non ha solo fotografato gli interstizi della povertà, ma ha dato un volto all'anima di persone dimenticate da una società che ha momentaneamente dimenticato il valore dell'accoglienza. Nasce così la mostra fotografia "Strade sensibili alla luce", dove la strada non è solo l'oggetto fotografico, ma anche il percorso necessario che conduce ad un orizzonte più illuminato.

 

Nei prossimi giorni l'intervista a Girolamo Grammatico

Ho una casa
dove accolgo tutti
quelli che muovono
solitudini in espansione.
La casa è grande
e conforta.
Non ripara
dalla pioggia
né dal sole
e il freddo
fa da padrone in inverno.
Manca la cucina
e la dispensa è vuota.
Ma la casa è grande
ed io accolgo tutti.
Tutti quelli là.
Che quando ti guardano e
raccontano al contrario
per dare senso
al sale sulle ferite.

***

Iolanda
Non mi sono mai mossa
da qui
eppure
passeggiando tra le mie rughe
troverai l’eternità.
Quand’ero piccola
una stanchezza senile
si accomodò sulle mie tempie
prive di altari
e chiuse gli occhi.
Ma io ho visto tutto
lo stesso.
Tra gli sbadigli dei passanti
ho in viso un sentiero
per ogni fiore non raccolto

***

Sono libero perché
sono solo
e il tempo si misura
in sorrisi.
Mi dà due anni di sorrisi,
signore?
No, mi dispiace,
le dò due sorrisi
per due anni,
spero che basti.
Non tema, me li farò bastare
se mi lascia
settanta centesimi
per brindare
a quest’incontro.

***

Fisarmoniche rom
Se ti avvicini
vedrai più cose,
ma se parli con me
scoprirai da dove vieni tu
e dove di sicuro non vuoi
andare.
Se ti avvicini
t’illumino di storie
oltre la cortina di piscio
e scoprirai che anch’io
so fare battute
che fanno sorridere
e che suonavo fiabe
agli alberi del bosco.
Sono come una stella
che lontana
ti porta lumi confusi e improbabili.
Così ai margini dell’universo
che potrei essere
l’illusione notturna
del tuo occhio spaventato.
Il bambino che non sono mai stato
ti chiede di guardarlo

***

Girolamo Grammatico, scrittore e presidente dell’associazione “La casa di cartone” lavora da anni al fianco dei senza dimora. Crede nella scrittura d’impegno civile.

Per accedere al sito del libro


L
a magnitudine dell'indigenza, di Girolamo Grammatico
Giulio Perrone editore
Poesia
pagine 128
euro 12,00 
ISBN 978-88-6004-252-1 
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi