Mercoledì 19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento 16:26
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


LIBRI & CONFLITTI. La recensione: IL LIBRO NERO DI ALEMANNO, di Ella Baffoni Castelvecchi editore
. Libri & Conflitti. Il libro nero di Alemanno. Dalla A alla Z tutti i disastri del sindaco Alemanno, di Ella Baffoni. Castelvecchi editore «A» come «Atac, Ama, Acea» ovvero la Parentopoli che ha scandalizzato la capitale. Le municipalizzate e gli uffici comunali presidiati dagli amici e dagli amici degli amici: fuori le competenze e l’esperienza, dentro gli utili orchestrali della macchina del consenso. «M» come «Mondiali di nuoto», uno scandalo che è arrivato fino in tribunale, strutture incompiute e milioni di euro buttati. «N» come «Neve»... 

Estratto dal libro QUI

Recensione a cura di Fabio Sebastiani

Un sindaco gradasso, con tante promesse e scarsissimi risultati, qualche ammiccamento alle persone giuste, un bel pacchetto di denunce da sostenere e una coorte di feudatari da mantenere. Ella Baffoni ha utilizzato la “grammatica” dell’alfabeto per mettere a nudo i punti deboli di Gianni Alemanno (quali sono quelli forti?) che tra pochi mesi dovrà rendere conto al “popolo di Roma” del suo, scarsissimo, operato. Da “A” come Atac (parentopoli) a “Z” come Zingari (sgomberi), la giornalista dell’Unità passa in rassegna l’attuazione del “programma” della nuova destra. Politica? Nemmeno un grammo. Sembra più che altro un agitarsi privo di senso in cui alla fine a fare gli affari veri sono i soliti poteri forti della città: i palazzinari, i circuiti finanziari, le consorterie politiche e le mille lobby che stanno attaccate al bilancio del Campidoglio. Ne esce un quadro misero dove tra fallimenti, furberie e reati vari il Comune di Roma diventa una istituzione quasi irriconoscibile. E’ difficile rintracciare nella storia del palazzo Senatorio una tale quantità di insuccessi e brutte figure.
E così, dal 2008 ad oggi le vere emergenze della Capitale ce le ritroviamo tutte peggiorate: traffico, rifiuti, trasporti pubblici, urbanistica, servizi sociali, criminalità. E poi, su su, razzismo, neofascismo, questioni di genere. Perfino il maltempo a Roma è diventato una emergenza grazie ad “AleDanno”.
Che dire? La scelta di Ella Baffoni è quella di non confezionare tesi precostituite ma di compilare, voce per voce, una scheda piuttosto esaustiva dei fatti che hanno caratterizzato la legislatura. Il libro è un vademecum indispensabile per quanti, partiti, associazioni, singoli professionisti, si stanno preparando per la sfida elettorale. Ed anche per quei cittadini che vogliono chiarirsi le idee su un sindaco che al momento di mettere piede al Campidoglio aveva detto di voler "lavare la capitale dall’affarismo e dai gruppi di potere". Dopo quattro anni non solo i romani hanno dovuto scoprire il lupanare di parentopoli, che non si ferma solo all’Atac, il disastro dell’ urbanistica del “liberi tutti” (di fare il loro comodo) e il solito fiume di mazzette tra vigili urbani e “punti verdi” ma una perdita di credibilità della città senza precedenti.
Alemanno ne esce con le ossa rotte. Il suo tentativo di tener buoni da una parte i suoi “commilitoni” della destra distribuendo favori e affari e dall’altra accreditarsi come un “uomo di governo” è miseramente fallito tra scandali di varia caratura e vere e proprie falle amministrative. L’arma dell’immagine gli si sta ritorcendo contro e anche le furberie di gestione sembrano essersi esaurite.

Il libro nero di Alemanno. Dalla A alla Z tutti i disastridel sindaco di Roma
di Ella Baffoni 
Castelvecchi editore
collana RX
pagine 188
euro 12, 50
ISBN 978-88-7615-668-7
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi