Lunedì 17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento 16:26
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Libri & Conflitti. La recensione di Chi comanda Roma
L'estratto dal libro

“Il segreto” di Chi comanda Roma, inchiesta a cura di Ylenia Sina (pag.190, 16,90 euro), come degli altri libri editi da Castelvecchi nella collana RX, parte del progetto Chi comanda e che hanno avuto come centro di interesse le città di Napoli, Torino, Milano, Firenze, sta nel reperimento delle notizie nella cronaca locale.
Una collana creata con l’obiettivo unico di “spiegare”. E occorre spiegare perché Il potere – per citare la premessa all’inchiesta - ha una struttura radicata, è frutto di relazioni e interessi che vengono intessuti con il tempo. (…) Si alimenta e riproduce, affascina, seduce”.
Ecco, a partire da questa sintesi e da questo scopo, l’inchiesta scritta e firmata da Ylenia Sina è un lavoro centrato sulla questione urbanistica della città e composto dalle testimonianze degli ultimi tre assessori (Morassut, Corsini e Caudo), da interviste fatte a Vezio De Lucia, urbanista, Silvia Macchi, che insegna Pianificazione territoriale e Politiche urbane, ma è anche e soprattutto un focus su alcune delle zone (Eur, Cinecittà, Pietralata, Romanina) oggetto di indagine.
Un’inchiesta che fa un focus sulla Capitale e su tutti quei meccanismi e quei personaggi che finiscono col comandare la città, violando i diritti dei cittadini, così come l’ambiente, il territorio, e permettendo alla speculazione di avere la meglio. Uno degli ultimi capitoli, ma non il meno importante, è dedicato al diritto all’abitare, tematica in cui la Sina si interessa da tempo, e diventa un ulteriore tassello per farci intuire che a Roma a comandare, è il “potere”, quello derivato dalla proprietà fondiaria, così come lo è il Vaticano, o lo stesso Caltagirone, di cui è scritto ampiamente nel capitolo “Le fotografie del potere”. Ma, verrebbe da dire, che, insieme al potere e ai grandi costruttori, a Roma, a far paura esce fuori anche quella che Valentino Parlato, in un articolo de il Manifesto, citato da Vezio De Lucia, ha definito “la fanteria”: tutta quella parte di cittadini, proprietari, che più di sentirsi vicini alla popolazione si riconoscono proprio in personaggi come Caltagirone. Non a caso il lavoro diventa anche uno stimolo, o anche una provocazione a capire e scegliere da quale parte stare: arricchirsi pensando “al proprio orticello” è quanto di meno responsabile si possa fare nei confronti della propria città che invece, richiama indistintamente tutti i cittadini, a scendere in piazza, prendendo parte alle scelte decisionali così come a elaborare vere proposte politiche. Un accento importante è messo anche sulla vendita del patrimonio pubblico. “Oggi – spiega De Lucia -tutto si dovrebbe fare meno che sottrarre capitali agli investimenti che possono creare lavoro per destinarli alla rendita. (…) Se un immobile è vincolato e dentro ci devo mettere determinate funzioni, come i servizi, nessuno lo comprerà mai. Anche in questo caso l’urbanistica, nel senso dell’interesse pubblico, è stata cancellata. Simile è la partita delle caserme, posizionate nelle aree centrali. L’unico modo per venderle è lasciare mano libera a chi le comprerà, ma quelle sono aree vitali per una città che necessita di servizi e di spazi. E il costo di una disfunzione urbana ricade comunque sulla città”.
Un’inchiesta concentrata sull’urbanistica, questa della Sina, che intende indagare su come agiscono i poteri, su come il territorio della città viene gestito e soprattutto su come, con troppa frequenza, gli interessi comuni, pubblici, vengono schiacciati da quelli privati. E’ allora più che condivisibile la domanda che la stessa Ylenia Sina si pone: “Cosa significa oggi, a Roma, “diritto alla città”?

Ylenia Sina E’ giornalista free-lance. Collabora con «il manifesto» e «Altreconomia» e con vari altri siti di informazione. È autrice insieme al giornalista Daniele Nalbone del libro In prima persona (Alegre). Ha contribuito al libro Le mani sulla città di Paolo Berdini e Daniele Nalbone (Alegre) con un’inchiesta sul territorio di Fiumicino.

Chi comanda Roma
di Ylenia Sina
collana Castelvecchi Rx
pagine 142
ISBN 9788876156267
euro 14,90

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi