Mercoledì 19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento 16:26
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Da domani a Roma la tre giorni del salone dell'editoria sociale

Un luogo di confronto per mettere in contatto settori diversi della societa'. Uno spazio che si apre al dialogo tra le organizzazioni non governative e gli attori dell'editoria sociale. Oltre 40 incontri, tra tavole rotonde, dibattiti, presentazioni di libri, video e concerti. E poi ospiti di peso come il premio Strega Walter Siti e il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini. A Roma ritorna, per la sua quinta edizione, il Salone dell'Editoria Sociale, in programma dal 31 ottobre al 3 novembre (via Galvani, 108). L'iniziativa e' promossa dalle Edizioni dell'Asino, dalla rivista 'Lo Straniero', dalle associazioni 'Gli Asini' e 'Lunaria', dall'agenzia giornalistica Redattore sociale e dalla Comunita' di Capodarco.

Quest'anno, sottolinea il curatore, il giornalista Giuliano Battiston, "il tema centrale intorno al quale ruoteranno tutti gli appuntamenti e' 'La grande mutazione'. Il titolo riprende, modificandolo, il saggio dell'economista Karl Polanyi 'La grande trasformazione', in cui si descrive il passaggio da un'economia al servizio della societa', ad un mercato che, invece, la divora".

Nel corso dei lavori, continua Battiston, "cercheremo di capire non solo le ragioni e i rimedi della crisi economica che stiamo vivendo oramai da sei anni, ma piu' in generale gli esiti di un trentennio di politica neoliberista che ha trasformato completamente i rapporti tra politica ed economia da un lato e tra cultura e societa' dall'altro". E che ha alterato i legami tra "etica e democrazia. Ogni anno il tentativo e' quello di adottare un passo duplice, ovvero tenere un occhio sulle questioni che viviamo in Italia ma, allo stesso tempo, collocare le nostre vicende in una cornice internazionale", spiega inoltre Battiston. Scendendo nel dettaglio, Battiston chiarisce che "l'obiettivo principale che ci poniamo da cinque anni a questa parte e' quello di cercare di far dialogare e di mettere a confronto quanti operano nel Terzo Settore, nel volontariato e nelle organizzazioni non governative con quanti operano nell'editoria e nella comunicazione sociale".

Uno degli appuntamenti piu' forti ed attesi "e' dedicato all'Europa. Il titolo preciso- sottolinea il giornalista- e' 'Che fare dell'Europa?'". All'incontro, che si svolgera' sabato 2 novembre, parteciperanno Adam Michnik, direttore della 'Gazeta Wyborcza' di Varsavia e Claus Offe, sociologo della 'Hertie School of Governance di Berlino. A moderare il dibattito, introdotto da Giulio Marcon della 'Scuola del Sociale' sara' Marino Sinibaldi, direttore di Radio3. Gli ospiti, afferma Battiston, proveranno a capire "come recuperare una visione progressista del Continente politico europeo.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi