Venerdì 23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 11:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


“Roma non ha bisogno di uno sceriffo”. Il Teatro Valle risponde a Marcello De Vito (M5S)
La cultura è capacità di esercitare senso critico. Siamo convinti che l'ignoranza produca qualunquismo e dunque derive autoritarie.
Che cosa intendiamo quando parliamo di legalità, di partecipazione, di cultura?
Vogliamo rispondere alle dichiarazioni di Marcello De Vito – candidato sindaco del Movimento 5 Stelle – invitando a una discussione più seria.

1. Che cosa intendiamo quando parliamo di legalità?
Ciò che è legale e ciò che è legittimo non sempre coincidono: questo è particolarmente vero per chi pratica la disobbedienza civile e il dissenso per conquistare e difendere diritti fondamentali per tutte/i.
Un reato di mafia vale quanto violare un divieto a manifestare? Corrompere e dissipare le risorse pubbliche per profitti personali equivale a bloccare la costruzione di un'opera inutile e dannosa come la Tav?
I palazzinari che speculano col cemento lo fanno nella legalità dei piani regolatori, chi occupa case sfitte è denunciato e processato.
Nel 1938 la discriminazione razziale divenne legge: chi decise di resistere non si fece intimorire dalla legalità formale.
Senza un'idea di giustizia sociale, ogni richiamo alla legalità non è che repressione e apologia dell'ordine.

Continua a leggere 

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi