Lunedì 14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento 00:41
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


8 marzo. Scrivere? Non è un mestiere per donne. Solo domani in promozione a euro 2,90
"In questo 2014 dove le donne leggono moltissimo e scrivono cose fondamentali, qualcuno fa finta di non essersene accorto. Non io, non scelgo apposta. Succede perché incrocio nei miei approfondimenti saggi bellissimi scritti da donne, romanzi importanti e letteratura di intrattenimento, racconti, articoli, tutte cose scritte da donne, cose molto belle. Leggo altro, non faccio nessuna differenza, la scrittura è neutra ma credo sia importante dare e darsi valore, che si tratti di mestiere, urgenza, passione, dannazione, studio, analisi, qualsiasi cosa, il lavoro delle donne rischia sempre di non avere abbastanza visibilità. Per questo sono molto contenta di far parte di questa raccolta, ce ne vorrebbe una al mese, anzi una alla settimana". Sono queste alcune delle riflessioni riportate da Francesca Mazzucato nella prefazione di Scrivere? Non è un mestiere per donne, di Laura Costantini edito da Historica Edizioni.

Un'idea, quella della Costantini, che nasce da un lavoro di circa due anni. Si tratta di più di sessanta interviste pubblicate online sul sito www.scrivendovolo.com riprese in questo progetto e-book, che diventano un saggio con l'obiettivo di narrare la condizione della scrittura delle donne proprio attraverso la voce delle autrici stesse.

In occasione dell’uscita, che sarà domani, sabato 8 marzo, sarà possibile acquistare l'e-book sulla piattaforma BookRepublic al prezzo promozionale di € 2,90

"Dopo quasi due anni di interviste a scrittrici famose e misconosciute - racconta la Costantini - a donne blogger, a donne editor, a coraggiose autrici di horror e gialli e noir (generi notoriamente da maschi), ad ancora più coraggiose autrici di famigerata, vilipesa ma quanto letta e consumata narrativa rosa (confessate, avete arricciato il naso!), nello sforzo di capire. Perché lo so, l’ho provato sulla mia pelle, che saranno moltissime le voci contrarie. Ma ritengo che, così come esiste nella società italiana di oggi, una questione femminile sia viva e presente anche nel mondo rarefatto dell’editoria. Non sto preparando il terreno per le quote rosa, cui non credo neanche dal punto di vista economico, politico e sociale. Ma ci sono dati di fatto sui quali vale la pena ragionare... 

"Era l’8 marzo del 2011 - scrive la Costantini - e si constatava che, entrando in libreria e girando tra gli scaffali, così a colpo d’occhio appariva e appare evidente che gli autori sono molti più delle autrici. Poi allargando il punto di vista e concentrandoci sulle persone che circolano tra gli scaffali, prendono volumi, vanno alla cassa e acquistano, si appurava e si appura senza sforzo che sono soprattutto donne.
La dicotomia esasperata che ne potrebbe uscire è: gli uomini scrivono, le donne leggono. Ma solo la seconda parte della frase si avvicinerebbe alla realtà. Le donne leggono. In un paese come il nostro, dove i lettori cosiddetti forti sono una sparuta, ma agguerrita, minoranza, le lettrici sono di più. Il dato curioso è che anche le scrittrici, o aspiranti tali, sarebbero di più. Ma a parte pochi esempi di estrema e a volte discutibile attualità, gli editori non cercano donne. Mi si dirà che l’editore cerca la storia efficace. Giustissimo. Ma poiché le maggiori frequentatrici dei cosiddetti corsi di scrittura creativa sono donne, per la legge dei grandi numeri, verrebbe da pensare che la maggior parte dei manoscritti che giungono alle case editrici siano firmati da donne. E che qualcosa di efficace, tra tutti quei fogli, debba pur esserci."


Laura Costantini, giornalista Rai, scrittrice, amante delle parole. Da sempre attenta alle questioni di genere, è stata nominata Ambasciatrice del Telefono Rosa lo scorso 25 novembre 2013 per la sua partecipazione all’antologia contro il femminicidio “Nessuna più” (Elliot Edizioni).

Le voci:
Alfano Vincenza, Altieri Assunta, Ancordi, Armonioso Veruska, Avanzato Maria Silvia, Balmelli Maurizia, Battistella Francesca, Bertuzzi Francesca, Bianchini Alexia, Bilotti Sara, Bonalumi Laura, Borghese Isabella, Boriosi Rossella, Bove Cristina, Bruzzone Marta e Sara, Buccella Jolanda, Calamandrei Sergio, Camoardi Mariangela,Cenciarelli Gaja, Clesis Eva, Comastri Milvia, Consiglio Francesco, Conventi Gaia, D’Amico Fabiola, De Mari Silvana, De Spirito Dorotea, Di Cesare Amneris, Di Donato Patrizia, Di Giuseppe Sofia, Falcone Loredana, Fanti Morena, Franceschi Arianna, Frascati Daniela, Frola Aurora, Gaggioli Alessandra, Giacchetta Manuela, Guida Lucia, La Ferla Manuela, Lama Diana, Lattaro Cristina, Lenti Marina, Limone Loredana, Lipperini Loredana, Lo Iacono Simona, Longo Silvia, Luini Lilli, Luini Maria Giovanna, Mango Silvia, Mazzeo Cecilia, Mercadante Gianluca, Montomoli Francesca, Morozzi Gianluca, Musneci Marzia, Oliva Marilù, Orlandi Elisabetta, Parisi Mavie, Piacentini Federica, Piccinni Flavia, Pivari Cristiana, Proietti Mancini Marco, Pugliese Maria Rosaria, Ranise Raffaella, Renyi Andrea, Repetto Alessandra, Riccioli Maria Lucia, Righi Donatella, Risoli Barbara, Rocchi Livia, Santamaria Simonetta, Segre Chiara, Sironi Paola, Terranova Nadia, Troncanetti Luana, Tursi Floriana, Ungaro Giordana, Valle Maria Teresa, Venditti Annalisa, Verasani Grazia, Viviani Viviana, Zauberei.

ISBN 9788896656815 - Pagine 151-  € 4,90

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi