Venerdì 18 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento 08:30
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Albano (Rm), l'Anfiteatro festival: eventi spettacolari di qualità fuori dal mainstream
Anche quest’anno alza le vele l’Anfiteatro Festival di Albano, kermesse giovane ma dalle basi molto solide e con una formula molto interessante. Gli appuntamenti si tengono in un’antica area archeologica della cittadina laziale in provincia di Roma molto suggestiva, riaperta proprio grazie al "battistrada" del festival.
Organizzato da Europa Musica con la direzione artistica di Renzo Renzi, l’iniziativa si segnala sempre di più per la capacità di mettere in campo contaminazioni artistiche di vario genere, dal teatro all’opera lirica, dalla danza alla musica popolare. I prezzi del biglietto vanno da 25 a 10 euro.
Diciassette appuntamenti, tutti di alto profilo, con grandi solisti e interpreti unici. Per l’apertura va in scena il primo dei due nuovi allestimenti operistici targati Europa Musica, si tratta de La Traviata di Giuseppe Verdi con la regia di Maurizio Di Mattia, punto di riferimento del Teatro dell’Opera di Roma e ambasciatore della lirica nel mondo. L’8 agosto è la volta del Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart con la regia di Gianmaria Romagnoli, diretto da Stefano Seghedoni. Il 13 agosto Nando Citarella, con il Coro Lirico Italiano, il Coro della Scuola Popolare di Musica di Testaccio, i Maurizio Trippitelli Percussion Ensemble propone una inedita versione dei Carmina Burana di Carl Orff, un sorprendente incontro tra la musica colta e quella popolare. Controlacrisi ha intervistato il direttore artistico.

Mettere a disposizione di un pubblico vasto realizzazioni artistiche di alto profilo. Come ci riuscite?
E’ uno sforzo incredibile. Essere al di fuori dalle fondazioni lirico-sinfoniche e dal giro degli sponsor è molto complicato. Dove siamo noi, l'Anfiteatro di Albano, è un sito un po’ particolare, poco conosciuto. Un sito archeologico meraviglioso la cui esistenza era ignorata anche da molti degli abitanti di Albano. E’ un anfiteatro romano di età “severiana” che abbiamo messo in sicurezza e aperto al pubblico. Ed è un luogo ideale per fare dei grandi progetti come Anfiteatro festival.

Proposte d’eccellenza in un sito splendido fuori dai giri della Città eterna…

Il taglio che abbiamo sempre voluto dare è stato un taglio d’eccellenza. Ovvero in un posto di grande bellezza alimentare la proposta culturale con eventi al livello. Una proposta culturale che alimenti realmente il pubblico e lo arricchisca. Ci siamo un po’ allontanati dalle proposte che girano nella nostra Regione, a parte alcuni festival, dove viene curato molto l’aspetto ludico.

L'impostazione di quest’anno?
Quest’anno abbiamo cercato di aprirci a vari temi. Oltre all’appuntamento con le opere, che sono comunque prodotte, Traviata e un allestimento Don Giovanni molto cinematografico, ci sono proposte come Piovani, Stefano Di Battista, Nando Citarella, e dei Carima Burano molto particolare. E poi molto teatro, da Albertazzi alla comicità, per la prima volta.

Si fa sempre tanta retorica sui giovani, voi ci state puntando realmente…
Questa dei giovani è una cosa a cui teniamo moltissimo, fin dagli allestimenti, nell’orchestra e nel coro. Siamo una delle poche realtà in cui i giovani vengono a studiare, dal Centro sperimentale di cinematografia alle Belle arti. Dei giovani tutti parlano ma a nessuno importa granché.


Programma Anfiteatro Festival 2015

Sabato 25 luglio - Giuseppe Verdi “La Traviata”
Regia di Maurizio Di Mattia. Direttore musicale Maurizio Morgantini. Violetta è impersonata da Paola di Gregorio, Alfredo da Alessandro Dimasi. Nuovo allestimento. Produzione Europa Musica

Domenica 26 luglio - Nando Citarella “I Tamburi del Vesuvio”
L’energia delle percussioni e dei nuovi ritmi alle falde del grande vulcano. Progetto di Nando Citarella con percussionisti africani, arabi e latinoamericani

Mercoledì 29 luglio - Ivana Monti, Paola Quattrini, Sergio Muniz, Fabrizio Nardi, Nico di Renzo e Aldo Ralli, “Arsenico e Vecchi Merletti”. Regia di Giancarlo Marinelli
Un capolavoro che è ad un tempo giallo e commedia, operetta morale e macchina comica

Giovedì 30 luglio - Nicola Piovani “ Concerto in quintetto”
Brani scritti per il cinema e per il teatro rivisitati da Nicola Piovani per un piccolo gruppo di solisti, tra i quali spicca il ruolo del pianoforte, suonato dall’autore

Venerdì 31 luglio - Teresa Mannino “Sono nata il ventitrè”
Un esilarante e riflessivo dialogo della cabarettista siciliana, un viaggio nella sua infanzia e nei traumi che l’hanno formata

Sabato 1 agosto - Stefano Di Battista e Nicky Nicolai “Mille bolle blu”
Un viaggio musicale attraverso le canzoni che hanno costruito il nostro immaginario negli anni '60 e '70

Domenica 2 agosto - Orchestra Nazionale Tzigana di Budapest - direttore Antal Szalai - Concerto
Un programma dedicato alla musica ungherese dell’epoca delle riforme del XIX secolo, alla musica tradizionale tsardas e arrangiamenti di canzoni e danze popolari

Mercoledì 5 agosto - Roberto Ciufoli, Gaia De Laurentiis, Francesca Nunzi e Diego Ruiz “Ti amo o qualcosa del genere”. Scritto e diretto da Diego Ruiz
Appassionanti e ironiche ricerche sulla qualità dei rapporti di coppia, visti attraverso la lente spietata dell'amicizia

Giovedì 6 agosto - Antonella Ruggiero e Maurizio Di Fulvio Group “Stralunato recital”. Antonella Ruggiero - voce, Maurizio Di Fulvio - chitarra, Renzo Ruggieri - fisarmonica, Ivano Sabatini - contrabbasso, Walter Caratelli - percussioni
Le più belle melodie italiane e internazionali rilette e reinventate con leggerezza e versatilità da una grande interprete della musica leggera

Venerdì 7 agosto - “Lettere dalla danza. Omaggio a Isadora Duncan”
A cura di Paola Sarcina. Voce recitante - Cinzia Villari, soprano - Rosaria Angotti, pianoforte - Paolo Tagliapietra, percussioni - Massimo Carrano, danzatrici - Clarissa Andrei, Kimberly Beu, Giulia Picchi, Stefania Toscano, coreografie - Stefania Toscano
Letture, danza, musica. Omaggio alla grande ballerina statunitense

Sabato 8 agosto - Wolfgang Amadeus Mozart “Don Giovanni”
Regia di Gianmaria Romagnoli. Direttore musicale Stefano Seghedoni. Don Giovanni è impersonato da Pierluigi Dilengite, Leporello da Alessandro Calamai, Donna Elvira da Paola di Gregorio. Nuovo allestimento. Produzione Europa Musica

Domenica 9 agosto - Fatima Scialdone “Un thè-tango per Evita”
Testo di Fernando Pannullo da un’idea di Fatima Scialdone. Con Fatima Scialdone, Eduardo Moyano, Luciano Donda, Cinzia Lombardi, Mariano Navone. Al pianoforte Giovanni von Gartner
Una commedia musicale in prosa e tango dedicata a Eva Peron

Martedì 11 agosto - Maurizio Mattioli e Pietro Romano “Il Conte Tacchia”. Regia di Gino Landi
Commedia musicale tratta dal film di Sergio Corbucci e ambientata a Roma a cavallo tra la fine dell’800 e i primi del ‘900

Mercoledì 12 agosto - Attilio Fontana e Emiliano Reggente con Ilaria Porceddu “Strimpelli & Vinile”. Di Attilio Fontana e Emiliano Reggente. Musiche di Attilio Fontana e Franco Ventura
Una commedia musicale anni cinquanta, ironica e divertente con musiche originali che spaziano dallo swing alle sonorità latino americane

Giovedì 13 agosto - Nando Citarella “Carmina Burana nella tradizione popolare - concerto per coro, due pianoforti, percussioni, strumenti e voci naturali”. Coro Lirico Italiano, Coro della Scuola Popolare di Musica di Testaccio, Coro L. Sabbatini di Albano, Maurizio Trippitelli Percussion Ensemble, Ensemble Cymbalus. Pianisti Monaldo Braconi e Desiré Scuccuglio. Direzione artistica Nando Citarella, Stefano Saletti, Maurizio Trippitelli. Direzione musicale Renzo Renzi
L'opera di Carl Orff diviene un unicum tra mondi culturali e espressivi apparentemente diversi. Un incontro tra la musica popolare e quella colta

Venerdì 14 agosto - Giorgio Albertazzi “Memorie di Adriano”. Regia di Maurizio Scaparro
Dal capolavoro di Marguerite Yourcenar, Giorgio Albertazzi interpreta il grande imperatore che si racconta privilegiando il lato umano rispetto a quello politico

Sabato 15 agosto - Compagnia Flamenco Vivo “Vente conmigo”. Spettacolo di Lara Ribichini e Dario Carbonelli.
Il ballo flamenco di oggi interpretato attraverso la migliore tradizione spagnola. Uno spettacolo di musica e danza in cui si alternano i passi dei solisti e i movimenti corali

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi