Mercoledì 05 Agosto 2020 - Ultimo aggiornamento 08:32
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Acerbo-Fraleone (Prc-Se): Pd e destra uniti per le scuole private contro la Costituzione

Il voto quasi unanime ieri del regalo di 300 milioni di euro alle scuole private è un’offesa alla scuola pubblica depauperata da anni e anni di tagli. Pd e destra non si sono neanche preoccupati di imporre ai privati di assumere con contratti a tempo indeterminato e garantendo la retribuzione tutto l’anno insegnanti che spesso hanno la partita Iva. Noi di Rifondazione Comunista ci siamo sempre battuti contro il finanziamento delle scuole private e per il rispetto dell’articolo 33 della Costituzione.

Dalla fine degli anni ’90 il centrosinistra anche su questo ha fatto proprie le posizioni della destra.

In Italia il finanziamento delle scuole private è stato reso possibile dalla legge 62 di parità scolastica del centrosinistra ai tempi del governo D’Alema.

Il voto di ieri non è che un nuovo episodio di assistenzialismo alle scuole private. Pd e destra hanno votato insieme ma la Meloni aggiunge: “non basta, è solo un primo passo”.

Ricordiamo a maggioranza e opposizione l’articolo 33 della Costituzione:

“L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.

La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.

Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.”

Purtroppo questo articolo non esiste per la nostra classe dirigente.

È uno dei tanti esempi che aiutano a capire perché da anni diciamo che c’è bisogno di ricostruire una sinistra alternativa rispetto a tutti i poli esistenti e che si batta per l’attuazione della Costituzione.

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale PRC-S.E.
Loredana Fraleone, responsabile scuola, università e ricerca PRC-S.E.

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi