Sabato 24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 11:42
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Legge di stabilità? Il colpo mortale per milioni di famiglie. Cgia: stangata da 2,5 miliardi
Il conto è salato e lo pagano sempre gli stessi. La nuova legge di stabilità costerà alle famiglie italiane la bellezza di 2,5 miliardi di euro. A fare i conti è la Cgia di Mestre, che ha analizzato l'effetto congiunto di riduzione dell'Irpef, aumento dell'Iva e introduzione della franchigia che comporta un taglio a deduzioni e detrazioni fiscali. "Una stangata - commenta il segretario dell'associazione Giuseppe Bortolussi - che rischia di mettere in ginocchio le famiglie italiane già stressate da una crisi che dura ormai da quattro anni".

Il prezzo più alto si pagherà nel 2014, quando le famiglie subiranno un aumento dell'Iva di 6,5 miliardi di euro e un taglio delle agevolazioni fiscali pari a un miliardo. Se a questi poi si sottraggono i 5 miliardi di riduzione del carico fiscale sui redditi, la differenza - a sfavore dei cittadini - sarà di 2,5 miliardi di euro, circa 100 euro a famiglia. Nel 2013 il saldo è sempre negativo, ma minore: 800 milioni di euro. Il motivo è riconducibile all'aumento dell'Iva che scatterà a metà dell'anno prossimo (luglio 2013). 

"Se teniamo conto - conclude Bortolussi - che dall'inizio della crisi il numero dei senza lavoro è cresciuto di oltre un milione e 200mila unità, i consumi reali delle famiglie sono scesi del 4,5%, i prezzi e le tariffe sono in crescita, difficilmente il Paese reale riuscirà a trovare le risorse per rilanciare la domanda interna e quindi l'economia del Paese".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi