Mercoledì 24 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento 23:36
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
FIAT: I PUNTI CHIAVE DEL PROGETTO FABBRICA ITALIA... PECCATO SIA TUTTA UNA TRUFFA!
Cassa integrazione, chiusura di stabilimenti, produzione al palo... Questa è la Fiat oggi. Ma il famoso progetto "Fabbrica Italia", quello usato da Marchionne, governo e sindacati "amici" per ridurre i diritti dei lavoratori e attaccare il contratto nazionale, cosa prevedeva? Riportiamo un'agenzia Ansa di oggi che illustra punto per punto questo progetto che alla fine si è rivelata una vera e propria truffa ai danni di lavoratori e cittadini.

"Sei milioni di auto prodotte nel mondo, delle quali un milione e quattrocento mila in Italia. Dove sono previsti 20 miliardi di investimenti. Questi i cardini, al suo varo, del progetto Fabbrica Italia di Fiat. Ecco nella versione iniziale cosa prevedeva il piano del Lingotto:

- TARGET FINANZIARI. Fiat prevede ricavi nel 2014 pari a 93 miliardi di euro, con un incremento del 55% rispetto al record raggiunto nel 2008. Il target per il risultato della gestione ordinaria è di circa 6,8 miliardi di euro, mentre il risultato netto previsto sfiora i 5 miliardi. Sono previsti investimenti per 30 miliardi di euro, i due terzi dei quali in Italia. Sarà inoltre gradualmente ridotto l'indebitamento, fino a raggiungere una cassa positiva di 3,4 miliardi. Agli azionisti verranno pagati dividenti pari ad almeno 150 milioni all'anno.

- OBIETTIVI INDUSTRIALI. Nel 2014 saranno 6 milioni, secondo le stime del piano, le auto prodotte nel mondo da Fiat e Chrysler. In Italia se ne produrranno 1 milione e 400 mila, più del doppio rispetto a oggi. A queste vanno aggiunti i 250 mila veicoli commerciali leggeri che ogni anno usciranno dagli stabilimenti italiani. Fiat continuerà a crescere anche nel resto del mondo, specie in Brasile, Cina, Russia e India.

- NUOVI PRODOTTI. Complessivamente saranno 51 i prodotti, tra nuovi modelli (34) e restyling (17) lanciati sul mercato nei prossimi 5 anni. I due terzi verranno prodotti da Fiat, gli altri da Chrysler. In particolare, per Fiat sono previsti 10 nuovi modelli e 6 aggiornamenti. Sette saranno le novità Alfa Romeo, che nel 2012 tornerà in America, e due i refresh, mentre le nuove auto a marchio Lancia saranno in tutto 8, 6 dei quali basati su modelli di alta gamma Chrysler, e uno il restyling. La gamma Jeep in Europa verrà ampliata con 3 nuovi modelli, prodotti da Chrysler, e 3 refresh. Il nuovo Grand Cherokee verrà lanciato nel 2010, mentre nel 2013 è previsto il debutto di un nuovo suv del segmento D e del nuovo Cherokee. Sul fronte dei veicoli commerciali, infine, Fiat Professional avrà 5 nuovi modelli e 3 refresh.

- STABILIMENTI. A Mirafiori (Torino), la produzione sarà aumentata di circa 100 mila vetture, a Melfi di 400 mila e a Pomigliano di 250 mila, mentre a Cassino i volumi saranno quasi quadruplicati. Confermata la chiusura di Termini Imerese, mentre alla Sevel saranno prodotti 240 mila veicoli commerciali all'anno. Fiat continua inoltre a puntare sugli stabilimenti di Tychy, in Polonia, e su quelli in Serbia e in Turchia".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi