Lunedì 20 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 11:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Bundesbank boccia la Germania e taglia stime crescita 2013-2014
La Bundesbank non guarda in faccia a nessuno e quando si tratta di conti non fa sconti. Infatti, ha tagliato le stime di crescita per la Germania nel 2013 e nel 2014 e rileva come "molto dipenderà dalla stabilizzazione dell'area euro". La banca centrale tedesca prevede un aumento del Pil dello 0,3% quest'anno contro lo 0,4% previsto in precedenza e un +1,5% nel 2014 rispetto al +1,9% della vecchia stima.

Jans Weidmann, il presidente della Bundesbank, afferma che "molto dipenderà dalla stabilizzazione della situazione economica nei paesi in crisi dell'area euro" così come "da una sostenuta crescita a livello mondiale". Secondo la banca centrale tedesca in Europa "l'economia ha raggiunto il livello più basso" di caduta ma tuttavia "problemi strutturali" bloccano "un rapido miglioramento". I punti di forza del paese, secondo la Bundesbank, sono "la situazione positiva del mercato del lavoro, la moderata crescita dei salati e il rallentamento dell'inflazione". elementi che "stanno sostenendo i consumi privati".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi