Mercoledì 20 Novembre 2019 - Ultimo aggiornamento 19:20
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Sigarette elettroniche, arriva una tassa del 58,5%

Vanno di moda, pare riescano addirittura a far smettere di fumare, allora mettiamoci proprio una bella tassa sopra. Forse è questo il ragionamento che ha spinto il Senato ha introdurre una tassa del 58,5% sulle sigarette elettroniche, che libererà circa 35 milioni di euro. Per far mandare giù la pillola amara a venditori e consumatori di e-cig, il Senato ha destinato queste risorse per 'salvare' gli agenti penitenziari, che potrebbero così evitare i tagli previsti. Un 'tesoretto' che il governo in realtà meditava di utilizzare per vari scopi, ma che ora il Senato sembra avere 'ipotecato' in nome dell'emergenza delle prigioni italiane. La commissione Giustizia del Senato ha approvato l'emendamento del Pd firmato da Lumia e Casson al dl svuota-carceri.

Nel dettaglio, la norma appena approvata prevede una tassazione del 58,5 per cento, quanto quella in vigore per il pacchetto di bionde, da applicare al prezzo di vendita dei kit delle sigarette elettroniche e delle ricariche, sia quelle contenenti nicotina che quelle contenenti essenze. 

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi