Mercoledì 21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 18:51
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Conti pubblici, il baratro degli interessi sui titoli spiegato da Ft... e da Tremonti
I tassi sui titoli di Stato dei Paesi periferici dell'Eurozona sono scesi ai minimi, ma il conto per Italia, Spagna, Irlanda, Grecia e Portogallo per quanto riguarda il pagamento degli interessi sul debito resta salato, con una spesa totale quest'anno di oltre 130 miliardi di euro, pari a circa un decimo delle loro entrate. Il Financial Times dà i numeri sul più grande affare della storia del capitalismo, sottolineando che in termini assoluti sara' l'Italia nel 2014 a dover pagare la "bolletta" piu' alta: 78,7 miliardi. Segue a distanza la Spagna con 32,2 miliardi. Dopo il Paese iberico c'e' la Grecia con una spesa per gli interessi sul debito pari a 7,6 miliardi di euro, quindi Portogallo e Irlanda con un pagamento di circa 7,3 miliardi.
Il quotidiano della City spiega che il conto complessivo da 133 miliardi e' pari al 15,9% della raccolta dei cinque Paesi attraverso tasse dirette e indirette.
La cifra in valore assoluto, sottolinea l'Ft citando le stime del Fondo Monetario Internazionale, e' vista in progressiva crescita fino a raggiungere 161,1 miliardi di euro entro il 2018, ossia il 10,6% delle entrate complessive di Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e Irlanda. In netto contrasto gli altri Paesi dell'Eurozona, che fra quattro anni utilizzeranno solo il 3,4% delle proprie entrate per pagare gli interessi sul debito. Sul nodo del debito maturato sui titoli è intervenuto anche l’ex ministro Giulio Tremonti che ha svelato come nel 2010-2011, al momento del varo del cosiddetto “governo tecnico” non e' che stava fallendo l'Italia, ma la Germania e la Francia “perche' avevano prestato una quantita' enorme di danaro con le loro banche allaGrecia, al Portogallo, alla Spagna, all'Irlanda.
“Quando la crisi comincia, e se fallisce il debitore fallisce anche il creditore – ha aggiunto Tremonti -. Allora la grande manovra era togliersi la colpa che stava andando giu' l'euro, e poi usare i soldi dell'Italia per pagarsi le loro perdite".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi