Mercoledì 16 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento 20:46
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Roma, nel caos trasporti finisce l'era del biglietto unico (l'unica trovata intelligente di Atac)
Dopo Trenitalia, anche Cotral annuncia l’uscita dall’accordo Metrebus. È caos nei trasporti romani e regionali. Allo stato attuale dal 1 gennaio 2016 ci vorranno tre titoli di viaggio diversi per prendere i mezzi Atac, quelli Cotral e quelli delle Ferrovie dello Stato. Un disastro per centinaia di migliaia di pendolari, causato dalla guerra in atto fra le tre compagnie di trasporti, ma a questo punto anche fra la Regione Lazio e il Comune di Roma. «L’annuncio dell’uscita di Trenitalia da Metrebus si legge nella nota della compagnia regionale - segna di fatto la fine del sistema tariffario integrato, almeno per come è stato concepito e gestito fino ad oggi». Tutto questo, «nonostante Cotral abbia cercato in questi mesi il dialogo con Atac, nessuna buona volontà è stata dimostrata dall'azienda romana per trovare una qualsivoglia soluzione che rendesse il sistema più trasparente ed efficace.

I crediti di Cotral nei confronti di Atac ammontano a 120 milioni: incassati da Atac per servizi resi da Cotral e mai ridistribuiti». A differenza di Trenitalia, Cotral dipende direttamente dalla Regione Lazio ed ogni operazione (per via del controllo analogo) va concordata con l'Ente regionale. Né il governatore Nicola Zingaretti, né l'assessore alla Mobilità Michele Civita, finora sono intervenuti e per ora preferiscono mantenere il silenzio. Non i sindacati come la Cgil, che a questo punto invoca un nuovo accordo: «La disdetta della convenzione con Metrebus decisa da Trenitalia significherà, oltre a un ritorno al passato, un inevitabile un aumento dei costi del trasporto pubblico. Nelle prossime ore chiederemo un incontro alle istituzioni sul problema».
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi